Ricette e Cucina

Proponi la tua ricetta nel forum "Ricette & Cucina"!

Primi Secondi Dolci

Tutto il resto


TUTTO IL RESTO



Arancini di riso alla calabrese
di Clitennestra

Ingredienti:
Riso
Salsa di pomodoro
Carne tritata
Piselli
Uova sode
Mozzarella
Uova
Pan grattato

Preparazione:
Far bollire del riso e lasciarlo raffreddare. Preparare sugo di pomodoro semplice e un po'con della carne tritata. Mescolare il riso con il sugo semplice. Prenderne un po' in mano e aggiungere sopra(non mescolare insieme) la carne tritata, piselli (ovviamente già cotti) pezzettini di uova sode e di mozzarella. Ricoprire il tutto con altro riso e farne una palla (non enorme) passarla nell'uovo sbattuto, nel pan grattato e infine friggere in olio caldo e abbondante.
Bagnet ross (o ketchup della nonna)
di Elen@

Ingredienti:
1Kg di pomodori maturi
Un peperone rosso
Una cipolla
Un gambo di sedano
Una carota
Uno spicchio d'aglio
3 cucchiai aceto
Un cucchiaio di zucchero
Sale pepe, se vuoi anche peperoncino e olio

Preparazione:
Cuocere tutte le verdure con l'aceto per un'ora a fuoco lento. Passare al passaverdura. Aggiungere olio, zucchero, sale e pepe. Bollire per 2 minuti.
Brezeln (o Pretzel)
di caffenero

Ingredienti per circa 15 pezzi:
40g di lievito di birra
500g di farina
1/4 di acqua tiepida
Sale grosso e sale fino (Quello grosso dei Bretzel non é come il sale marino italiano a cristalli semi trasparenti, é bianco e un po' a "pallini" non so se si trova comunemente)
1l d'acqua
5g di soda (in farmacia la vendono di sicuro)
Burro per ungere / carta da forno

Preparazione:
Mettere la farina in una ciotola, sciogliere il lievito nell'acqua tiepida e aggiungere il tutto alla farina insieme a un cucchiaino di sale. Impastare bene il tutto finché la massa non si staccherá bene dalla ciotola. Preparare i Brezeln dando loro la caratteristica forma incrociata. Nel frattempo far bollire il litro d'acqua e aggiungere la soda. Immergere i Brezeln (non devono lievitare!) nell'acqua bollente per circa 30s... Successivamente i Brezeln vanno deposti su una teglia imburrata, cosparsi di sale e infornarti per circa 15-20 min nel forno giá caldo a 200°C. Attenzione: non mettere la soda o i Brezeln scottati in contatto con l'alluminio, utilizzare solo utensili d'acciaio inissidabile! La soda corrode l'alluminio.
Fagioli all'uccelletto
di Silviapd

Preparazione:
Olio d'oliva, 2 spicchi d'aglio, qualche foglia di salvia e poi aggiungo i fagioli cannellini lessati, sale e pepe. Dopo un pochino aggiungo la polpa di pomodori, ma non molta, e lascio consumare il sugo che alla fine diventa piuttosto denso. Tolgo foglie e aglio (che sennò si confonde coi fagioli) e pronto.
Flan di spinaci
di Teagatta

Ingredienti:
500g di spinaci scottati e fatti passare in burro o olio
3 uova
Una tazza di besciamella soda
100g di parmigiano o emmental grattato
Sale e pepe q.b.

Preparazione:
Frullare tutto nel mixere mettere in uno stampo da budino, quelli col buco, unto e cosparso di pangrattato. Cuocere a bagnomaria per 45' a 175°C.
Focaccia di Recco
di Teagatta

Ingredienti:
500g di farina
Un bicchiere d'olio
Sale
Non richiede lievito, acqua se necessario

Preparazione:
Impastare bene, deve essere duro e liscio. Fare riposare. Dividere in 2, stendere col matterello in 2 sfoglie sottili, mettere la prima in una grande teglia unta d'olio, mettere in mezzo circa 300g o più di stracchino (la ricetta originale prevede la prenscinsoeua - latte cagliato la sera prima con limone e poi sgocciolato - se non trovi lo stracchino puoi usare la formaggetta per l'aligot, con 2 cucchiai di panna acida). Coprire con l'altra sfoglia. Infornare a 200C°.
Gazpatcho
di Larita

Ingredienti:
Per la ricetta base:
Un cetriolo
4 pomodori ben maturi
Un peperone rosso
Se graditi:
Olio
Sale e pepe q.b.
Mezzo spicchio d'aglio
Peperoncino o tabasco

Preparazione:
Frullare il tutto e servire freddo, volendo con crostini di pane.
Guacamole
di lpx99

Preparazione:
Prendere due avocados ben maturi tagliarli a meta' eliminare il seme centrale e svuotare la polpa con un cucchiaio su una scodella lasciando la buccia da parte. Aggiungere peperoncino in polvere a scelta se vi piace molto piccante o solo piccante, il succo di un lime (o mezzo dipende dai gusti), sale e formaggio grattuggiato. Con il cucchiaio schiacciare l'avocado e miscelare con gli ingredienti fino ad ottenere una crema abbastanza solida. Se avete ecceduto con il succo aggiungere un po' piu' di formaggio per addensare. In teoria ci vorrebbe del formaggio Monterrey ma per che non abita in Messico o stati limitrofi potrei consigliare della Ricotta salata stagionata (non affumicata), grana fresco o eventualmente pecorino fresco tutti a scaglie. Alcuni aggiungono anche della crema di formaggio (sconsigliata). Si usa per accompagnare ovviamente tacos, burritos, Quesadillas, Flautes, ma anche antipasti, carni e pollami ai ferri (no pesce).
Humous
di Flavione

Ingredienti:
2 tazze di ceci
3-4 spicchi d'aglio
Una tazza di prezzemolo
Mezza tazza di Tahina (olio di sesamo)
Mezza tazza di succo di limone
Sale
Olio extravergine di oliva

Preparazione:
Lasciare i ceci a mollo con del bicarbonato per 12 ore circa. Cuocerli per 45 minuti in pentola a pressione o per 90 minuti in una pentola normale. Ridurre gli spicchi d'aglio in poltiglia usando un mortaio e aggiungere un cucchiaino circa di sale. Amalgamare l'aglio con la tahina e il succo di limone. Passare i ceci con il passaverdure e amalgamare il tutto. Il piatto si serve dopo averlo irrorato con l'olio e cosparso con il prezzemolo tritato fresco.
Insalata caprese
di Il Comandante

Ingredienti:
Mozzarella a piacere
Pomodori freschi tondi a cuore di bue
Numerose foglie di basilico intere fresche colte ben lavate
Sale
Olio d'oliva
Origano

Preparazione:
Tagliate le mozzarelle a fettine circolari, lo stesso per i pomodori. Mettete in un piatto da portata le fette disponendole circolarmente secondo un'ordine preciso; ovvero: Una fettina di pomodoro, una fettina di mozzarella, una foglia di basilico, e ripetete, pomodoro, mozzarella, basilico e continuate considerando per ogni persona dalle 12 alle 16 fettine per porzione come precedentemente disposte. Salate il tutto con parsimonia, condite con l'olio d'oliva facendo colare un filino su tutto "il trenino" di fette. Sporverare di origano finissimo far riposare per 5-10 minuti e servire.
Insalata di melanzane (o Salat Hazzlim)
di Clitennestra

Ingredienti:
Melanzane
Sale
Pepe nero
Maionese

Preparazione:
Grigliare alcune melanzane intere con la buccia (si puo' usare anche una padella scassata e vecchia). Quando sono ben bruciacchiate toglierle e lasciarle raffreddare. Tagliarle in due nel senso della lunghezza e con un cucchiaio togliere la polpa (si stacchera' molto facilmente dalla buccia). Schiacciarle con una forchetta fino a quando si ottiene un composto cremoso, aggiungere sale, pepe e un paio di cucchiai di maionese e mescolare bene. Ottime spalmate su pane fresco o cristini, o semplicemente come contorno.
Insalata di radicchio con mele e pecorino
di Caotica

Preparazione:
Lavare per bene il radicchio, tagliarlo in quattro parti, toglierne la parte centrale piu´dura e tagliarlo a listarelle. Sbucciare e tagliare a dadini una mela dolce (possibilmente quelle rosso - gialle piccoline: non ricordo come si chiamano... forse renette?). Grattugiare grossolanamente del pecorino sardo (anche a scaglie va benissimo!), ben stagionato (migliore stagionatura: 3 anni). Aggiustare di olio, il sale, una puntina di noce moscata grattugiata e voila`!
Insalata di spinaci
di Caotica

Ingredienti:
500g di spinaci (possibilmente quelli giovani)
10 pomodori secchi sott´olio
Mezza scatoletta di mais(in chicchi)
Parmigiano grattugiato (a piacere)
Olio extravergine d´oliva
Aceto balsamico
Sale

Preparazione:
Pulire e separare gli spinaci, sciacquarli piu`volte, asciugarli, aggiungervi il mais sgocciolato e sciacquato, il parmigiano grattugiato, i pomodori sgocciolati e tagliati a listarelle(possibilmente sottili), condire con olio, aceto balsamico e sale.
Insalata di spinaci II
di Caotica

Ingredienti:
500g di spinaci
2 avocado
Una decina e passe ciliegine di mozzarella(a piacimento)
200g di pomodorini ciliegia
Olio extravergine di oliva
Aceto balsamico
Sale

Preparazione:
Pulire e lavare gli spinaci. Sbucciare l´avocado e tagliarlo a dadini. Sciacquare i pomodorini e tagliarli a meta`. Aggiungere le mozzarelline, l´olio, l´aceto balsamico ed il sale.
Insalata fredda di verdure
di Romanaccio

Ingredienti:
Zucchini crudi a tocchetti (passali prima per 3 minuti nel microonde)
Patate lesse fredde, affettate
Pomodori per insalata a pezzi non grossi
Pezzetti di sedano a coste
Basilico spezzettato
Cipolline bianche tagliate fine
Olio, aceto, sale, pepe secondo i gusti

Preparazione:
Amalgamare bene e servire freddo.
Insalata Rostand
di Roberta.it

Ingredienti per due persone:
Insalata verde mista (lattuga, scarola,rucola, riccia, radicchio, crescione)
Un grosso pomodoro maturo
Un avocado maturo
Quattro cucchiaiate di gamberetti sgusciati
Sale
Pepe nero
Limone italiano
Olio d'oliva
Pain baguette

Preparazione:
Per ciascun commensale: Mettere in un piatto fondo metà delle foglie verdi miste. Incidere a croce la pelle del pomodoro ed immergerlo in acqua bollente per alcuni secondi. Sbucciarlo e dividerlo a spicchietti. Metterne la metà su ciascun insalata. Sbollentare i gamberetti (se sono surgelati basta pochissimo). Scolarli ed aspettare che raffreddino prima di unirli al resto. Sbucciare l'avocado e tagliarlo a fettine. Metterne la metà sull'insalata. Spolverare con abbondante pepe nero. Preparare una vinaigrette con olio, limone e sale e con questa condire l'insalata. Tagliare il pane a fette spesse.
Lenticchie alla sabina
di Flavione

Preparazione:
Fate soffriggere una cipolla, un gambo di sedano, un paio di carote e uno spicchio d'aglio seguendo l'accorcimento di far scaldare l'olio extravergine d'oliva, aggiungere la cipolla, farla appassire, aggiungere l'aglio e dopo un paio di minuti il resto. Dopo 4-5 minuti potete aggiungere opzionalmente delle salsicce e quando saranno colorite aggiungete le lenticchie (4 etti per 4 persone). A questo punto una variante consiste nello sfumare il tutto con mezzo bicchiere di vino bianco. Ricoprite quindi d'acqua le lenticchie e fatele cuocere per 20-30 minuti secondo il tipo di lenticchie. Per quelle di castelluccio saranno necessari 30 minuti abbondanti. Aggiungete dell'acqua se si prosciugano troppo.
Limoncello
di Teagatta

Preparazione:
Sbucciare con pelapatate archetto 8 limoni, niente bianco sulla buccia. Mettere in infusione le bucce con 1l di alcool da liquori per 8-10 giorni. Colare e unire con uno sciroppo fatto di 2Kg di zucchero e 2l di acqua bollito e raffreddato. Versione in crema: sostituire l'acqua con 2,5l di latte intero fresco, fare bollire lentamente con lo zucchero per 20' e raffreddare.
Maionese
di Elen@

Preparazione:
Io la faccio con il frullatore (o con il minipimer quando ce l'avevo): solo i tuorli e un po' di limone, poi lo fai andare alla velocitá piú bassa, quando vedi che sta montando aggiungi dell'olio a filo finché la vedi crescere e diventare piú chiara, poi la provi e aggiusti il limone e il sale... devi avere occhio per capire il momento esatto per fermarti sennó diventa troppo dura... questo lo impari facendola a mano le prime volte! In Spagna ci aggiungono anche dell'aglio spremuto, ma é un po' antisociale per l'alito del day after.
Maionese II
di Golightly

Preparazione:
Prendere una tazza (per il latte, ampia, sai di quelle senza manico mmmhhh non mi ricordo il nome...). Mettere un cucchiaino abbondante di moutarde (in italia credo sia senape), aggiungere un pizzico di sale e pepe, un rosso d'uovo (ultrafresco) e con un frullino a mano cominciare a rendere omogeneo l'impasto. Aggiungere poco a poco un filo d'olio di semi di girasole badando a mantenere il "ritmo" circolare (senza sbattere troppo forte). In pochi minuti la maionese comincia a gonfiare e diventa più chiara. Alla fine aggiungere aceto o limone.
Maionese III
di Flavione

Preparazione:
Ho adoperato una tecnica suggeritami da un collega spagnolo, il quale mi ha detto: lascia perdere la storia dell'olio a filo. Lui mette tutto l'olio, l'uovo, contrasta l'uovo tra la base del contenitore e il frullino a mano, frulla e il risultato e' garantito senza che la maionese impazzisca. Stavolta il risultato e' stato ottimo.
Nocillo (o Nocino)
di Canaria

Ingredienti:
24 noci raccolte, secondo la tradizione, a mezzanotte del 24 giugno
1l di alcool
4 chiodi di garofano
Un pezzetto di stecca di cannella o un pizzico di cannella in polvere
200g acqua
500g zucchero
Buccia di mezzo limone
Un panciuto bottiglione di vetro scuro
Carta da filtro

Preparazione:
Preparate uno sciroppo (giulebbe) con l’acqua e lo zucchero. In questo periodo dell’anno le noci hanno ancora il mallo verde e sono piuttosto morbide. Pulite le noci con un panno. Spaccatele in 2 o in 4 (dipende da quanto è grande l’imboccatura del bottiglione) e mettetele nel bottiglione insieme a tutti gli aromi ed all’alcol. Quando il giulebbe sarà freddo aggiungetelo agli altri ingredienti e lasciate il bottiglione “alle intemperie” (ma non al sole diretto) per almeno 40 giorni. Trascorso il tempo necessario filtrate il liquido. E’ possibile poi versare sulle noci utilizzate del buon vino bianco e, a seconda dei gusti, un po’ di giulebbe per un discreto vino da dessert o da servire come aperitivo.
Peperoni arrostiti
di Elen@

Preparazione:
Peperoni rossi e gialli (quelli verdi sono difficili da digerire), li lavi, li apri, ci togli i semi e i vari filetti (si dice "mondare" che non mi ricordo?) e li cacci direttamente sulla fiamma del fornello finché le estremitá non si bruciacchiano e fanno delle bolle. Poi li metti ben caldi in un recipiente e chiudi con uno strato di pellicola trasparente. (Se non ce l'hai metti tutto dentro un sacchetto e chiudi bene. 'Spetti che si raffreddino e quindi togli la pelle dei peperoni. Prendi un piattone "di servizio" tagli uno spicchio d'aglio e lo sfreghi sul piatto (se ti piace lo fai a pezzettini e te lo mangi, un po' antisociale, ma se x caso lavori con dei coreani non se ne accorgono neanche). Tagli i peperoni a strisce e le disponi sul piatto (a me piace disegnare la bandiera catalana) abbastanza olio di quello buono, sale q.b. Se hai voglia di esagerare fai un "battuto" di olive nere, verdi, capperi, acciughe, in questo caso niente sale, e lo sparpagli sopra i peperoni. Il giorno dopo sono ANCORA meglio, magari con una fetta di pane rustico abbrustolita...
Peperoni e patate in padella
di mbeps

Preparazione:
In una padella larga e con coperchio della stessa misura, rosolare in sufficiente olio extravergine d'oliva e poca cipolla delle patate tagliate per il lungo di circa un centimetro di diametro (insomma delle grosse patate fritte) fino a che non siano abbondantemente dorate, aggiungere dei peperoni (gialli e/o rossi e /o verdi) tagliati a listarelle di circa mezzo centimetro e coprire con un coperchio. Girare con un cucchiaio di legno ogni qualche minuto per non far attaccare al fondo della padella. Spegnere quando cotti (ed in parte "croccanti" come le patate) i peperoni. Aggiungere un goccio d'aceto se gradito.
Pesto
di Flavione

Ingredienti:
50-60 foglie di basilico
3-4 cucchiai di parmigiano
5 cucchiai di olio
2 cucchiai di pinoli
Uno spicchio piccolo di aglio o mezzo normale

Preparazione:
Prima schiaccio l'aglio nel mortaio, poi aggiungo nell'ordine: basilico, pinoli, parmigiano e olio.
Pesto di pistacchi
di nnica

Ingredienti:
Pistacchi (tipo salato)
Olio extravergine d'oliva
Pepe bianco
Noce moscata

Preparazione:
Frullare i pistacchi precedentemente sgusciati. Aggiungere una spolverata di pepe bianco ed una di noce moscata secondo quantità ed emulsionare il tutto con l'olio di oliva. Questo pesto è l'ideale con i cavatelli (o paste tipo rustico) ed aggiunta di ricotta possibilmente di pecora... al posto del parmigiano aggiungete una spruzzata di mandorle tritate.
Pizza
di Mapedri

Ingredienti:
500g di farina
Un dado di lievito di birra (si trova dal panettiere)
Un cucchiaio di sale
Una tazza e mezzo di acqua
Olio q.b. (tipo 1/4 di bicchiere)

Preparazione:
Sciogliere il lievito di birra in una tazzina di acqua tiepida (ma mai troppo calda), aggiungere olio alla farina più tutto il resto finche diventa una pagnotta appiccicosa (la pasta a quel punto tende a formare un buco fatto con un dito). Fare lievitare in un luogo TIEPIDO per almeno un'ora (2 ore meglio) finche la pasta non diventa il doppio del volume originario. Cottura: 20 minuti in forno a 180°C con ingredienti a piacere. A Parigi in occasione di una cena internazionale, questa ricetta ha funzionato benissimo. Ho provato:
Margherita - aggiungendo la mozzarella a metà cottura
Provola e pachino
Patate, olio e rosmarino
Ripiena con prosciutto cotto e formaggio tipo sottilette
Pizza II
di Mar973

Ingredienti:
300g di farina (se è troppo molle aggiungi un minimo, ma meglio un po' più morbida che dura)
200ml di acqua tiepida
Mezzo cubetto di lievito di birra
Un cucchiaino di sale

Preparazione:
Sciogli il lievito in mezzo bicchiere scarso d'acqua tiepida e impasti con un etto di farina circa. Metti a lievitare almeno mezzora in luogo caldo (max 40°C) al coperto. Dopodiché aggiungi resto farina e acqua tiepida. Impasti. Anche se si incolla alle mani fregatene e vai avanti a impastare senza aggiungere farina. Dopo un po' glutinizza e si stacca da mani e asse. Quando è bella elastica e morbida che se premi leggermente con un dito torna su, metti di nuovo a lievitare in recipiente infarinato (se no si incolla) con un taglio sopra così lievita meglio, e coperto. Un oretta direi. Poi stendi con le mani. Anche se fa buchi è uguale. Li ritappi e poi procedi...
Pizza III
di Galet

Preparazione:
Io ci metto un po' di olio, un cucchiaio su 600g di farina. Lievito: 2% della farina se lievito di birra, la meta' se in bustina (non ho notato differenza tra i due lieviti). La pizza va tirata a mano, non con il mattarello (errore che io commettevo all'inizio). Lievitazione: dopo aver preparato la pasta come ottimamente spiegato prima, io preparo le "palline" di pasta (da 600g di farina si ottengono 3 palline), poi le metto su una teglia leggermete unta, le copro con carta trasparente e FACCIO LIEVITARE IN FRIGORIFERO per circa 3 ore. Tolgo dal frigorifero circa 1h30min prima di tirare la pasta. Ho notato che il frigorifero modifica in qualche modo la pasta, in modo che diventa piu' facile da tirare a mano ("tiene" la forma, per capirci). N.B. la pasta in frigo non lievita, PERO' non uccide gli animaletti che si mangiano le proteine della farina e fanno la lievitazione (nota: se volete tanta lievitazione scegliete una farina molto proteica, > 12g di proteine per 100g di farina). La lievitazione riprende quando togliete la pasta dal frigo. Vi consiglio di provare. Se andate in una pizzeria, fate caso a quello che fanno: preparano la pasta alla mattina, la mettono in frigo in quelle cassette bianche, con i panetti gia' pronti. Poi tolgono le cassette dal frigo durante la serata. Da www.pizza.it - ricette: "[...]Prima di procedere alla lievitazione si può mettere la pasta in frigo a 2-6°C per procedere alla maturazione della pasta[...]". Non so cosa si intenda per "maturazione", la mia sensazione e' che la pasta si maneggi meglio.
Pure' di zucca
di lpx99

Preparazione:
Si procede come per le patate si schiacciano i tocchi di zucca con il passaverdura (o sciacciapatate chi ce l'ha), si aggiunge latte, burro noce moscata sale e pepe e poi si mescola il tutto in una pentola sbattendo energicamente con un cucchiaio. A chi gusta suggerisco un po' di formaggio tipo pecorino per togliere il dolce della zucca a seconda della carne da accompagnare.
Ricotta
di Roberta.it

Ingredienti:
2l di latte intero
Un vasetto di yogurt magro con fermenti lattici vivi
Caglio
Mezzo limone

Preparazione:
Mettere il latte e lo yogurt nella pentola. Far scaldare sempre mescolando. Quando la temperatura arriva a 39°C aggiungere 8 ml di caglio e spegnere il fornello. Man mano che la cagliata si forma romperla con un mestolo per separare il siero e la pasta di formaggio (che può essere passata attraverso un canovaccio e fatta stagionare). Rimettere la pentola al fuoco con il siero e spremere mezzo limone. Quando il liquido sta per bollire si raggruma formando (almeno, dovrebbe) la ricotta. Passare questa ricotta in un colino (uno di quelli grandi col manico) e farla riposare in un luogo fresco sempre mantenendola nel colino. Consumare in giornata.
Tallatouri (salsa greca di yogurt e cetrioli)
di Elen@

Ingredienti:
2 tazze di yogurt naturale
2 denti di aglio spremuti (io ne uso moooolto meno, ma dipende ...)
3 tazze di cetrioli tagliati a pezzetti (togliere la parte di dentro acquosa e con i semi)
3 cucchiai di olio
Un cucchiaio di aceto (in caso di balsamico é meno)
Un cucchiaino di mentuccia (fresca o secca)

Preparazione:
Tagliare il cetriolo e metterlo in uno scolapasta con sale per mezz'ora peché perda l'acqua. Mettere l'aglio in un recipiente di ceramica (quando ho appuntamenti di lavoro il giorno dopo lo taglio a metá e lo sfrego all'interno della ciotola) aggiungere olio e aceto, mescolarli bene con un cucchiaio di legno e lasciare riposare per 10 minuti. Dopo aggiungere lo yogurt e amalganmare molto benefinché si trasforma in una salsa omogenea. Aggiungere il cetriolo scolato e la mentuccia, mescolando con attenzione. Mettere in frigo e servire ben freddo (a me piace come salsa per condire i pomodori).
Taralli "scaldatelli" (o Tarallucci)
di daffodil

Ingredienti:
500g di farina 00
130ml di vino bianco
125ml d'olio d’oliva
Sale

Preparazione:
Impastare energicamente tutti gli ingredienti fino ad avere un impasto liscio ed elastico che si lascerà riposare coperto in un luogo tiepido per 20 minuti. Passato questo tempo far bollire dell’acqua. Con delle piccole porzioni di impasto formare dei bastoncini del diametro di un paio di cm. e lunghi 8 o 10 cm. Formare poi dei cerchietti unendo bene le estremità. Quando l’acqua bolle salarla e tuffate i taralli una decina alla volta. Dopo pochi secondi i taralli vengono a galla, toglierli con una schiumarola e depositateli su un canovaccio ad asciugare per qualche minuto. Riscaldare il forno a 200°C e lasciar cuocere i taralli per circa 35 minuti o fino a quando saranno dorati e asciutti. Una volta freddi conservare in un contenitore a chiusura ermetica.Ps: all’impasto, che è senza lievito, si possono aggiungere semi di finocchio o pepe macinato, o peperoncino, o origano o sesamo.
Tofu
di nnica

Ingredienti:
500g di tofu 3 tazze di fagioli di soia
4 cucchiaini e mezzo di nigari
(il nigari è una soluzione salina che si ottiene in questo modo: si inumidiscono 2 kg di sale con dell’acqua fredda, quindi lo si mette in un sacco di tela che verrà appeso in una stanza buia sopra un recipiente. Il liquido che verrà raccolto nel recipiente sottostante è il nigari)
In alternativa 2 cucchiaini di succo di limone

Preparazione:
La sera prima mettete a bagno i fagioli e lasciateli nell’acqua tutta la notte. Il giorno dopo frullateli, mettete il composto ottenuto in una pentola ed aggiungete dell’acqua – un volume doppio rispetto a quello dell’impasto di fagioli. Mettere sul fuoco e quando l’acqua raggiunge l’ebollizione, abbassate il fuoco e lasciate cuocere per altri 5 minuti. A questo punto mettete il composto di fagioli in un sacchetto di tela leggera e schiacciate in modo da lasciar fuoriuscire il liquido. Raccogliete questo liquido in un recipiente – il composto di fagioli (il composto di fagioli rimasto si chiama unohana) può essere conservato ed utilizzato in altro modo -. Spruzzate la superficie del liquido raccolto con il nigari e mescolate leggermente. Lasciate riposare. Dopo 20 minuti circa dovrebbe aver inizio il processo di coagulazione. Mettete un telo di cotone sul fondo di un setaccio, quindi versatevi il tofu coagulato, coprite con un altro telo, chiudete con un coperchio – dovrebbe essere di legno – su cui poggerete un peso non troppo pesante. Poiché lo scopo di quest’operazione è far sgocciolare il tofu, abbiate cura di appoggiare il setaccio sopra un recipiente o comunque disponetelo in modo che il liquido venga convogliato da qualche parte. Lasciate riposare per un ora, quindi unite ancora un peso e fate sgocciolare ancora per un’ora. Quando il tofu è pronto, mettetelo in recipiente con dell’acqua fredda. Il tofu va conservato in frigorifero o comunque in un luogo fresco.
Tortini di riso
di lpx99

Preparazione:
1) Utilizzando il riso allo zafferano si aggiunge yogurt e uovo, si mescola e si dispone su una doppia padella antiaderente ( o se siete capaci utilizzate un piatto) per che' si lascia sul fuoco alto e si fa fare una crosta da entrambe le parti lo spessore e' intorno ai tre centimetri. Quando la crosta e' sufficentemente dorata e croccante si leva dal fuoco e si distribuisce a fette.
2) Il fondo della pentola del riso bianco invece alto circa 1 centimetro si mescola con del burro (o del ghee se lo trovate) e si lascia quasi bruciacchiare (attenzione alle pentole deve diventare molto croccante sul fondo ma morbido in superficie (non si gira) anche questo si fa a fettine o striscie e si usa come accompagnamento.
Verdure al forno
di Lunag

Ingredienti:
Patate
Zucchine
Cipolline bianche (non troppo grandi nè piccole)
Zucchine
Pomodori rossi grandi
In più: sale, olio, pepe, pangrattato, rosmarino e finocchietto

Preparazione:
Per le patate: sbucciarle,tagliarle a tocchetti, scottarle per un minuto in acqua salata bollente, scolarle e condire con olio, pepe, un pò di sale e rosmarino. Porle in una teglia abbastanza grande, occupandone solo la metà. L'altra metà della teglia la occuperanno i pomodori: lavarli, tagliarli a metà e metterli nella teglia con la parte tagliata rivolta verso l'alto e condita con olio, sale, pepe, un pizzico ciascuno di pangrattato e finocchietto. Per le cipolle: dividerle a metà, metterle iu una teglia con un filo d'olio e la parte tagliata rivolta verso l'alto e condita con un pizzico di pangrattato, sale, pepe e un pò di olio. Nell'altra metà della teglia porre le zucchine lavate, divise a metà per il senso della lunghezza e incise all'interno con la punta di un coltello a formare un "reticolo". Condire la parte interna rivolta verso l'alto con un pizzico di pangrattato, olio, sale e pepe. Infornare il tutto a 180°C per circa 45 minuti.
Pomodori e cipolle al Porto
di Apelaboriosa

Ingredienti per tre porzioni

Preparazione:
Pela e taglia a metà 150 gr. di scalogni e friggili nell'olio, aggiungi 200 ml di vino Porto, una foglia di alloro, sale, pepe e un cucchiaino da caffè di zucchero scuro e anice stellato, cucina per 10 minuti a fuoco lento. Taglia a fette 500 gr. di pomodori, disponili sul piatto di portata e aggiungi sale e pepe; aggiungi 2 cucchiai di aceto di lamponi agli scalogni, mescola e versa sui pomodori. Se non trovi certi ingredienti (tipo aceto di lamponi) e la ricetta ti ispira, prendi una valida alternativa (tipo: aceto balsamico).
Soufflè di formaggio
di Apelaboriosa

Preparazione:
Mescola 150g di Emmenthal in cubetti alla besciamella, mettilo sul fuoco lento per far sciogliere il formaggio, sala e lascia intiepidire, aggiungi tre tuorli. Monta a neve gli albumi e aggiungi al formaggio mescolando delicatamente; versa il composto in uno stampo da soufflé (o in tanti piccoli stampini) ben imburrato e cosparso di pangrattato. Riempilo però solo per due terzi. Cuoci a bagnomaria in forno a calore moderato per 20/25 minuti, senza mai aprire. Servi subito. Il soufflè viene forse meglio con il parmigiano e se fai la besciamella col brodo invece che col latte.
Mozzarella in agrodolce
di Apelaboriosa

Preparazione:
Taglia a fette la mozzarella e disponila sul piatto. Prepara la salsina con un cucchiaino di senape, uno di miele, 3 cucc. di aceto balsamico, 4 cucc. d'olio, aglio sminuzzato. Mescola bene e versa sulla mozzarella, lascia riposare almeno mezz'ora.
Saute' di vongole
di Dubai

Preparazione:
Aglio e prezzemolo, con ginger grattugiato messi in olio e burro... Poi aggiungo le vongole... copro ... metto un goccio di vino bianco (se ce l'ho...) e...voila'!! Se voglio condirci la pasta ci aggiungo 2-3 pachino rotti con le dita...slurp!!!
Pane e pomodoro
di Isidriver

Ingredienti:
Pane
Pomodoro
Olio
Sale

Preparazione:
Fette di pane casereccio, con mollica, del giorno prima. Pomodori maturi tagliati a metà e sfregati sul pane dove lasciano i semi, l’acquetta e la polpa strappata alla pelle dalla ruvidità del pane. Sale ben distribuito: deve essere umido. Un filo d’olio. Prendere ogni fetta di pane con le dita dalla parte della crosta, stringerla e lasciarla poi andare in modo che l’olio si sparga liberamente.
Frattagie
di Dubai

Preparazione:
Le frattaglie, se parliamo di quelle di pollo, io le faccio bollire un po', poi le sciacquo e le faccio a pezzettini. Intanto rosolo cipolla, sedano, carota e un po' di peperoncino, poi aggiungo succo di pomodoro. Faccio cuocere un po' il sugo e dopo ci metto dentro le frattaglie e lascio cuocere per un'altra mezz'ora!!! Ottimo sugo per condire pasta, specialmente se all'uovo! Da noi in Abruzzo... la mitica pasta alla chitarra!!! Ma squisito per qualunbque tipo di pasta (io preferisco quella lunga...) con tanto parmigiano!!! Le altre frattaglie (agnello o vitello) le faccio a pezzi di media grandezza, e li sbollento per una decina di minuti (perche' la mia testa mi dice che... spurgano un po'...). Poi rosolo cipolla e peperoncino, aggiungo pomodori pelati, poi patate tagliate a fette, lascio cuocere un po' ed alla fine aggiungo le frattaglie!! Ancora una mezz'oretta per insaporire e finire di cuocere e...
Marmellata di pomodori Piccadilly
di Elen@

Ingredienti per 8 persone:
1Kg di pomodori Piccadilly
500g di zucchero
Succo di un limone
25g di pectina

Preparazione:
Lavare e sbollentare i pomodori, quindi privarli della buccia. Tagliarli a meta’, eliminare l’acqua di vegetazione e sistemarli in una casseruola; aggiungervi lo zucchero miscelato con la pectina ed il succo di un limone. Portare la casseruola sul fuoco medio e rimestare continuamente onde evitare di far attaccare la marmellata. Dopo circa mezz’ora di fuoco provare la densita’ della marmellata mettendone un po’ su di un piattino. Raggiunta la densita’ desiderata frullarla con l’aiuto di un mix ad immersione, toglierla dal fuoco e farla raffreddare.
Marmellata di pomodori Piccadilly II
di Elen@

Ingredienti per 8 persone:
2Kg di pomodori maturi
1,250Kg di zucchero
2 limoni
1 Mela
1/2 bicchiere di grappa
Un pizzico di vanillina

Preparazione:
1) Tagliate i pomodori a pezzetti e raccoglieteli in una casseruola. Cospargeteli di zucchero e di buccia grattuggiata di limone, aggiungete anche il succo. 2) Ponete il recipiente sul fuoco e portate il preparato ad ebollizione. Lasciate cuocere il tutto fino a quando il pomodoro sarà disfatto. Quindi setacciate il tutto. 3) Rimettete il tutto nel recipiente, aggiungete la mela tritata e riprendete la cottura, fino a quando non diventerà come la marmellata. Aggiungetevi la grappa e la vanillina. Dividete il composto in barattoli di vetro a chiusura ermetica.
Polpi in insalata
di Rom27

Preparazione:
Prendete tre polpi da 500g. I polpi surgelati sono più buoni e più teneri di quelli freschi. Se hanno la pelle scura sono più teneri. dopo averli lavati li si mette ancora surgelati in una pentola a pressione con un po' d'acqua (2-3 bicchieri) e li si cuoce per un'oretta. Li si scola e, dopo raffreddati, si toglie la pelle e le ventose. Li si fa a pezzi di 1-2cm. Si aggiungano a piacimento olive, capperi, sedano, aglio e limone. Una gustosa insalata di polpo è pronta
Trance di pesce
di Rom27

Preparazione:
A me piacciono alla piastra. Uso soprattutto il pesce spada (anche se un po' caro) e il tonno. Il segreto è metterli su di un po' di grani di semi finocchio ed uso anche sale grosso col pepe macinato fresco. Quando il pesce è molto ben cotto e rosolato spengo, aggiungo olio d'oliva e basilico sopra al pesce nel piatto. Il sapore del seme di finocchio si sposa sempre molto bene col pesce, attenuandone il gusto metallico in bocca. Tra l'altro il sapore del seme di finocchio modifica il gusto (da cui il modo di dire romanesco "nun te fa infinocchià" uguale a "non ti far fregare" - perchè non sapresti più riconoscere il vino buono da quello cattivo...)
Sugo con il quale condire mezzi rigatoni con la testa del rospo
di Dubai

Preparazione:
Allora: olio, aglio, prezzemolo e peperoncino. Poi aggiungi la testa tagliata a pezzi grossolani, rosola, sfuma con del vino bianco, aggiungi pomodori pelati frantumati con le dita, aggiusta di sale e peperoncino. A fine cottura stacca dal'ossatura la polpa del pesce e rimettila nel sugo... E condisci i mezzi rigatoni.
Avgolemono
di Rom27

Preparazione:
Io con la testa della coda di rospo ci faccio il brodo copiando una ricetta greca detta Avgolemono (vuol dire uovo e limone). In pratica nel brodo di pesce (con la ovvia aggiunta di sedano, patate, pomodoro, cipolla, sale etc) si stemperano uova e succo di limone in quantità proporzionale al brodo. Ma il brodo deve essere ben filtrato. Se vi piacciono le verdure possono essere riaggiunte al brodo. Però vi raccomando di maneggiare la testa con grandissima attenzione. E' quasi impossibile non ferirsi coi suoi tanti aculei. Nella immensa testa c'è anche tanta carne...
Tofu II
di Carlojp

Preparazione:
Il tofu, lo schiacci con una forchetta, lo metti nelle lasagne vegetariane (con verdure spadellane e non ragu' di carne) al posto della besciamella. Fai gli humburgher. Lo tagli a fette di un paio di centimetri e lo passi in padella (lo devi ben dorare) oppure lo "pani" prima con un bel misto di curry, passandolo nel curry, uovo e pane gratuggiato e poi lo passi in padella
Ragoût
di Maeve

Preparazione:
Richiede almeno due ore di cottura a fuoco lento. Soffritto di cipolle, aggiungere carne di manzo, mescolare fintanto che la carne diviene grigia, aggiungere un bicchiere (anche due) di vino rosso, fare evaporare, aggiungere tritato di funghi porcini, mescolare un po' poi aggiungere pezzettoni di pomodori pelati, pepe e noce moscata. Coprire ed innaffiare con brodo per circa due ore. Quando il ragoût è pronto si puo passare alla preparazione della bechamel, nel frattempo si è messa a cottura la pasta. Quanto tutto è pronto si stende la pasta, si fanno i vari strati con il ragu e si copre con un dito o due di bechamel, Grattata di parmigiano e via in forno a gratinare. Servive con dolcetto o grignolino.
Pasta madre
di Polpettina

Ingredienti:
3 etti di farina
1 tuorlo d'uovo
5g di lievito di birra

Compensazione (equivalenza) per tipo di farina
2Kg di farina bianca
4Kg di farina di grano duro
2Kg di farina integrale
(2 etti di lievito madre: dose per 10Kg di farina)

Preparazione:
Impastare il tutto con acqua appena tiepida e fare lievitare per 5-6 ore. La mattina seguente aggiungere metà farina rispetto al peso dell'impasto, più il 55% di acqua rispetto al peso totale della farina, impastare e far riposare a temperatura ambiente fino al mattino seguente. Ripetere questa operazione al mattino ed alla sera fino a raggiungere i 2- 2,5Kg d'impasto (aggiungere sempre quantità di farina pari alla metà del peso dell'impasto del lievito madre e in più il 55% di acqua rispetto al peso totale della farina; in questa operazione non mettere mai il sale). Una volta ottenuto il lievito madre deporlo la sera nell'impastatrice aggiungendo 8Kg di farina ed acqua tiepida nella misura del 55%; dopo aver effettuato l'impasto togliere 2 etti di pasta da usare come lievito madre per il prossimo impasto. Conservarlo in una terrina con un po' di olio sopra. Il tutto si può conservare in frigorifero od in luogo fresco al massimo per 15 giorni, altrimenti bisogna rinfrescare con farina ed acqua tiepida. Aggiungere acqua salata all'impasto rimasto nell'impastatrice e lavorare ancora per cinque minuti. Far lievitare nell'impastatrice tutta la notte. Verso le 6 del mattino seguente impastare ancora per cinque minuti, infine togliere l'impasto e fare le pagnotte, lasciare lievitare ancora 1-2 ore a seconda della stagione e della temperatura, dopo di che, infornare.
Pane alle noci
di Jakie

Ingredienti:
Per la biga:
200g di farina 00
25g di lievito di birra

Per il pane:
150g di farina di Manitoba
150g di gherigli di noce
50g di farina di farro
40g di miele
15g di sale fino

Preparazione:
Per la biga lavorate, nell'impastatrice o a mano, la farina con il lievito sbriciolato e sciolto in 100g di acqua tiepida. Formate un panetto, senza aggiungere altra farina, incidetelo a croce e fate lievitare coperto, in luogo tiepido fino a che non avrà raddoppiato il suo volume. Trascorso questo tempo preparate il resto dell'impasto, mettendo nell'impastatrice la farina di Manitoba, la farina di farro, il sale e il miele e 150g di acqua tiepida. Formate un panetto, unite la biga lievitata e procedete con le mani ad impastare fino ad amalgamare per bene tutti gli ingredienti. Date all'impasto la forma che volete, dei piccoli panini oppure fate una pagnotta. Mettete l'impasto nuovamente a lievitare su di una teglia da forno ben coperto, per un'ora, poi passate in forno a 200°C per 20 minuti per i panini e 40 minuti circa per la pagnotta.
Focaccia genovese
di Tobimbo

Ingredienti:
500g di farina
250g di acqua
1 tazzina e mezza da caffè di olio d'oliva
30g di lievito di birra se è possibile non liofilizzato
50g di sale fino
Un pizzico di zucchero

Preparazione:
Il segreto è impastare tanto la pasta deve prendere aria. Una volta impastata, mettila in un recipiente per la prima lievitatura, coperta con un canovaccio umido. Quando ho aumentato quasi del doppio del suo volume la metti nella teglia, così com'è, man mano che lievita la stendi, fino a farle prendere la forma della teglia appunto (l'operazione è un po’ lunga). Quando la forma è presa la fai ancora aumentare di volume fino ad un'altezza di 2-3cm circa, dopo di che con le dita fai i buchi nell'impasto. Ricopri il tutto con una tazza da caffelatte di acqua e olio d'oliva, l'acqua deve ricoprire completamente l'impasto. In forno già caldo per 15-20 minuti, poi ti regoli quando ha preso colore. Una cosa importante, una volta cotta bisogna girare la focaccia sotto sopra per 5 minuti, è così che il fondo non si impregna d'olio.
Italian screwdriver
di Isidriver

Ingredienti:
4.5cl Vodka
1.5cl Galliano
9cl Succo d'arancia
Black russian
di Ines

Ingredienti:
7/10 di vodka
3/10 di liquore al caffè

Preparazione:
Versare ghiaccio, vodka e liquore al caffè nello shaker. Agitare vigorosamente e filtrare in un bicchiere old fashioned.
Cocktail arancia
di Ines

Ingredienti:
50g di succo di arancia
100g di spumante secco

Preparazione:
Spremere le arance e filtrarne il succo. Versarne 50g nella flûte. Poco prima di servire aggiungere lo spumante freddo, aperto al momento, senza agitare. Suggerimento: se le arance sono molto dolci, si può usare lo spumante secco, altrimenti si deve usare una qualità dolce.
Cocktail melagrana
di Ines

Ingredienti:
1 melagrana
200 ml di spumante secco

Preparazione:
Pulire il frutto del melograno e ricavarne i piccoli semi succosi. Metterne da parte una quindicina e frullare il resto. Eventualmente il succo può essere passato attraverso un colino a maglie fitte. Farlo raffreddare per qualche ora in frigorifero, dopo aver aggiunto i semi. Al momento di servire, versare 50ml di succo nella flûte con qualche seme e 100ml di spumante secco freddo.
Pink sweet
di Ines

Ingredienti:
150ml di succo di pompelmo rosa
300ml di vodka al pompelmo rosa
Una bottiglia (750 ml) di spumante dolce

Preparazione:
Miscelare in una brocca il succo di pompelmo rosa con la vodka al pompelmo rosa. Aggiungere una bottiglia di spumante dolce fresco.
Stir fry
di Marta1

Ingredienti:
15ml di olio d'oliva
450g di tofu (duro o extra duro) tagliato in cubi di 1cm
500ml di cavolfiore tagliato a pezzettini
500ml di broccoli tagliati a pezzettini
4 carote medie tagliate fini
125ml di brodo vegetale 125g piselli
5ml aglio tagliato fine
30ml di ginger grattato
1l cavolo rosso o verde tagliuzzato
15ml soya

(Il tutto è misurato in tazza, mi rendo conto che queste misure sono scritte sbagliate ma corrispondono ai misurini che ho io)

Preparazione:
E' facile: prima si scalda l'olio e si aggiungono il cavolfiore, i broccoli e le carote. Bisogna girare e friggere per 3 minuti. Poi si aggiunge il brodo vegetale, copriamo la pentola e lasciamola così per 2 minuti. Si aggiungono quindi i piselli e il tofu e giriamo il tutto cucinandolo per un altro minuto. Infine aggiungiamo l'aglio, il ginger e il cavolo e lasciamo cuocere fino a che sia tenero ma non scotto. All'ultimo mettiamo la soya e mescoliamo e serviamo con riso intero.
Insalata dopo le abbuffate
di Teagatta

Preparazione:
Sedano o sedanorapa. Mele non troppo dolci ma non renette che si ossidano. Insalata belga o scarola tagliata fine. Cuori teneri di finocchio. Condire con citronnette o salsa allo yogurt. Se proprio volete strafare aggiungete qualche gheriglio di noce e fettine di arancia tagliate a vivo.
Indivia belga caramellata con "mimosa" all'uovo
di Ghia

Ingredienti per 4 persone:
2 uova
4 foglie di indivia belga
30g di prezzemolo
2 cucchiai di burro
Noce moscata
1 cucchiaino da the di zucchero a velo

Preparazione:
Bollire le uova a fuoco alto per circa 8 min. Lavare l'indivia ed eliminare il sotto e il centro più amaro e duro. Tagliare le foglie di indivia a metà per la lunghezza e poi in striscioline più sottili. Raffreddare le uova sotto il getto d'acqua fredda e sgusciare. Tagliare a metà le uova, tagliare in pezzettini finissimi il bianco e sbriciolare il rosso con una forchetta (=mimosa). Lavare e asciugare il prezzemolo. In una padella di alluminio scaldare un cucchiaio di burro e cuocervi il prezzemolo per circa 30 secondi fino a renderlo croccante. Mescolare insieme prezzemolo, burro e uova e aggiungere sale, pepe e noce moscata quanto basta. Scaldare il resto del burro in una padella o nella pentola "wok" e cuocervi le striscioline di indivia per circa 3 min. Cospargere con lo zucchero a velo e cuocere ancora 1 min. Disporre l'indivia su un piatto e cospargere con la "mimosa" d'uova. Sul volantino c'era scritto "contorno", ma se si abbonda un po’ con le dosi (come abbiamo fatto noi) ti viene fuori un pasto completo, tra l'uovo e la verdura!
Pure' di fave
di Pekneoci

Preparazione:
Gustosissimo sia freddo che caldo. Potete accompagnarlo con fette di pane di Altamura (od altro pane, ovvio) abbrustolite e "intrise" di succo di aglio. Ci mettete su un filo di olio extra crudo ed una spruzzata di peperoncino in polvere. Mettete a mollo le fave 24 ore prima, in tanta acqua fredda e cambiatela almeno un paio di volte. In questo modo, le fave si gonfieranno di acqua diventando belle cicciotte. Ponete le fave in una pentola capace con un pomodorino, una costa di sedano ed una carota, ricoprite di acqua e aggiungete un pizzico di sale fino o grosso (regolerete poi) ed uno di pepe nero. Fate cuocere a fuoco lento ed ogni tanto eliminate la schiuma che si forma. Riducete le fave a purè o usando un semplice mestolo di legno, girando continuamente, oppure molto + velocemente con lo sbattitore (a voi, lasciare o togliere i pezzi di vegetale precedentemente aggiunti). Una volta pronto, aggiungete appunto peperoncino a piacere e olio crudo. Se volete, preparate anche delle erbe bollite (bietole, cicorie), così avrete un piatto completo! Mangiate il purè così, o con un po’ di pasta, o fatelo raffreddare e quindi rapprendere. Formate dei triangolini (o altra forma a vs. gusto) e friggeteli in olio bollente.
Mazzancolle al microonde
di Rom27

Preparazione:
Ho messo delle mazzancolle crude al microonde (quasi un kg) e dopo 6-7 minuti le ho tirate fuori. Ci ho aggiunto l'olio e il limone e me le sono mangiate. Mi sono piaciute molto, niente odori sgradevoli in casa, in pochi minuti un piatto semplice e naturale. Il tempo di cottura dipende dal quantativo. Devono essere ben cotte ma non rinsecchite... Ho proceduto per assaggi per trovare il giusto punto di cottura... Facile, buono... Le mazzancolle erano addirittura scongelate e quindi a prezzi più che abbordabili, ma credo che sia la stessa cosa con le mazzancolle fresche. A Bruxelles i crostacei li vendevano già precotti e la manovra col microonde era ancora più facile e sicura... Buon appetito!
Sugo di pesce per gli spaghetti
di *Mussy*

Preparazione:
Soffritto di olio, aglio a fettine, peperoncino e pomodorini cherry... aggiungi un paio di calamari tagliati grossolanamente e fai cuocere. Spegni il fuoco e aggiungi 4-5 alici sott'olio che farai sciogliere con una forchetta. Aggiungi abbondante prezzemolo, un po' di sale se necessario... e butta tutto sugli spaghetti, of course!
Peperlizia
di Teagatta

Preparazione:
Io faccio così. Metà aceto e metà vino bianco, sale, grani di pepe, un cucchiaio zucchero, un bicchiere piccolo di olio. Quando il tutto bolle aggiungo le cipolle. Do 3 minuti di ebollizione e verso bollente nei barattoli pulitissimi, aggiungendo 1 chiodo di garofano per ogni barattolo. Tappo subito, capovolgo per 5 minuti e stop. Per i peperoni appena ritorna al bollore spengo all'istante e poi faccio come per le cipolle.
Marmellata d'arance
di Lachilu

Preparazione:
La mia ricetta per la marmellata d'arance: sbucciare le arance (compresa la buccina bianca), tagliarle in 4, metterle in una bilancia e prendere nota del peso, poi metterle dentro un frullatore. Dare un paio di frullatine, metterle in una pentola con lo stesso equivalente di zucchero (1Kg di frutta 1 di zucchero) e cucinare per circa 2 ore o almeno finché la marmellata si addensa sul piattino. Optional: prima di metterle in pentola attraverso un passino per i semi. Per la mia personale esperienza di marmellatara uso queste semplice regole: sempre un kg di frutta/kg di zucchero, l'unica eccezione la marmellata di fragole 1kg/800g. Semplice normale zucchero bianco, non ho mai usato pectina. La ragione di tanto zucchero e'per la preservazione - altrimenti la marmellata non si conserverebbe e andrebbe a male. I barattoli: immergerli in una pentola di acqua bollente per pochi minuti prima dell’uso. Immediatamente dopo aver messo la marmellata coprire con carta alluminio o carta cerata e poi il coperchio la marmellata deve essere sigillata dentro mentre e'ancora fumante. E come ultima cosa, la schiumatura: dopo aver messo la frutta sul fuoco comincia a formarsi una schiuma che bisogna togliere e cosi on per circa 30 minuti bisogna starci dietro, questo e'molto importante. La schiuma è molto buona spalmata sul pane non da buttare via.
Sformato di patate
di Roberta.r

Preparazione:
Lessi le patate e le schiacci, tipo purè, ci metti uno o due uova per amalgamare, lo dividi a metà, fai uno strato di patate in una teglia da forno. Ci puoi nettere mozzarella o formaggio, prosciutto cotto, ricopri con un altro strato di patate, ed è pronto da mettere al forno, per una mezz'ora a 180°C. Oppure si può congelare e cuocere in seguito.
Fette di pane alle Heidi
di Wallace

Ingredienti:
Fette di pane
Robiola o formaggio caprino
Speck tagliato molto fine
Aglio

Preparazione:
Passare le fette di pane sulla gratella o in forno, dopodiché strusciarci l'aglio sopra. Spalmare la Robiola ed infine, sopra, lo speck tagliato fine. Fatemi sapere...
Focaccia salata
di Bibaitaly

Ingredienti per 8 persone:
500g di farina
100g di strutto (o burro)
25g di lievito di birra
6 cucchiai d'olio
Poco latte
Sale

Preparazione:
Versare sulla spianatoia un pugnetto di farina e impastarla con metà del lievito sciolto in poco latte. L'impasto deve risultare piuttosto molle (se si desidera una focaccia più saporita aggiungere un trito di salvia e rosmarino). Mettere il panetto ottenuto in una terrina infarinata, coprirlo con un tovagliolo e lasciarlo lievitare per una mezz'ora accanto al forno. Versare sulla spianatoia la rimanente farina e fare la conca, al centro sbriciolarvi il lievito rimasto, mettervi lo strutto (o il burro) a pezzetti, l'olio e un cucchiaino di sale. Impastare aggiungendo il panetto lievitato e il latte tiepido sufficiente per ottenere una pasta morbida. Lavorarla bene per renderla liscia e omogenea. Ungere una teglia da forno, stendere la pasta della misura della teglia e bucherellare la superficie con le punte di una forchetta.
Cuocere in forno caldo a 200°C per circa un'ora.
Sangria
di Il Pelide

Ingredienti:
Una caraffa
Una bottiglia di un vino rosso qualsiasi da tavola
Zucchero q.b
2 arance a quarti, leggermente spremute nel vino
1 limone a quarti, leggermente spremuto nel vino
Un po' d'acqua
Ghiaccio q.b.

Altri ingredienti ammessi dai puristi: una mela a tocchi e/o una pesca a tocchi

Preparazione:
Rimestare, aspettare che sia ben fresca, consumare con parsimonia, perché va giù che è una meraviglia ma poi fa girare la testa e taglia le gambe. Ogni ingrediente in più, sicuramente i liquori, sono "cosas de americanos o de alemanes". Comunque da turisti, non da spagnoli. Varianti trovate in Spagna: Cava invece di vino rosso - Vino bianco invece di rosso
Cipolline sottaceto
di Teagatta

Ingredienti:
Cipolline
Aceto rosso buono
0,5l di vino bianco
1 bicchiere d'olio
1 cucchiaio di sale
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di grani di pepe

Preparazione:
Il problema e' pelarle, lavoro certosino e lunghissimo. Tuffare le cipolle in acqua bollente per un minuto e poi le peli, ci impiegherai circa 10 ore... Prepari una soluzione con mezzo litro di aceto rosso buono, mezzo litro vino bianco, un bicchiere olio, sale un cucchiaio, zucchero 2 cucchiai, un cucchiaino di grani di pepe. Quando bolle ci butti le cipolle, fai bollire per 3 minuti, versi cipolle e liquido nei barattoli ermetici, chiudi subito e capovolgi per un minuto, raddrizzi, fai raffreddare. Dopo un mesetto di riposo puoi mangiarle.
Olive marinate
di Strange

Ingredienti:
Olive nere mature
Sale marino grosso in abbondanza
Olio d’oliva

Preparazione:
Prendere le olive nere mature, metterle in un contenitore, possibilmente di coccio, cospargerle di sale marino grosso in abbondanza. Lasciale stare, ogni tanto dargli una rigirata completa, possibilmente ogni due giorni. Dopo 40 giorni scolarle. Mettere una pentola piena d'acqua sul fuoco e quando l'acqua bolle buttarci le olive e farle bollire per circa 5 minuti. Dopo scolarle e farle asciugare, metterle in un barattolo con abbondante olio d'oliva e mescolare bene poi chiuderlo solo dopo che le olive si sono completamente raffreddate. Ogni tanto, durante l'anno, se non sono completamente ricoperte d'olio rigirare tutto il barattolo. Tutto qui. È una ricetta facilissima e si conservano anche per 2-3 anni. La ricette originale prevede che siano interamente ricoperte d'olio, poi man mano che si prendono le olive si può usare l'olio in sovrappiù per condire qualcosa, ottimo per fare il sugo col pomodoro.
Cous cous con sugo di manzo
di Lucigos

Ingredienti:
Olio
Cipolla a pezzi
Sale
Peperoncino
Carote
Prezzemolo
Passato di pomodoro
Salsicce
Carne di manzo (possibilmente intera ed attaccata all'osso, così dà più sapore)
Ceci o lenticchie
Burro
Cous cous
Acqua

Preparazione:
Per il sugo: Olio, cipolla a pezzi, sale, peperoncino, carote e un pezzo di prezzemolo e rosolare il tutto. Dopo mettere il passato di pomodoro, salsicce, carne di manzo lasciare il tutto sui fornelli per almeno 2-3 ore ("come qualsiasi ricetta di un buon sugo di una volta") e a cottura quasi terminata aggiungere ceci o lenticchie.
A parte: Mettere in una padella (con un pezzetto di burro) il cous cous con abbondante acqua fin quando non e' cotto. Dopodiché servire il cous cous sul piatto ed aggiungere sopra il sugo con la carne. Io l'ho fatto proprio l'altro giorno ed era ottimo. Buon Appetito
Involtini di melanzane
di Hwange

Ingredienti:
Melanzane
Olio
Mollica di pane raffermo
2 cucchiai parmigiano grattugiato
Un pugno di prezzemolo tritato
Aglio tritato
Sale e pepe
Pomodori freschi

Preparazione:
Affettate le melanzane nel senso della lunghezza, salatele e lasciate che diano la loro acqua per circa mezz'ora. Friggetele in poco olio. Mettete in una scodella della mollica di pane raffermo, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato e un pugno di prezzemolo tritato, aglio tritato, sale e pepe, aggiungete olio in modo da ottenere un impasto consistente. Mettetene un po’ su ogni fetta di melanzane e ricoprite con una listarella di sottilette. Formate degli involtini non troppo stretti che fermerete con uno stuzzicadenti, tritate i pomodori spellati e ponete la metà sul fondo di una teglia in cui disporrete gli involtini che ricoprirete con i restanti pomodori. Salate, irrorate con un filo d'olio e infornate per 20 minuti circa.