Autenticazione

Nickname
Password
Iscriviti a Italiansonline!
Password dimenticata?
Forum Religione, Filosofia, Enigmi & Misteri

Il forum dedicato alla religione, alla filosofia e ai misteri di questo mondo!
Discussione: Islam questo sconosciuto

  I messaggi vengono inviati dai rispettivi autori sotto propria e unica responsabilità.
Il forum è moderato. Leggi il regolamento e rispetta la netiquette.


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >> Fine

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Una maniera come l'altra per conoscere qualcosa della storia, le scritture, e la cultura islamica. A me piacerebbe che si potesse avere una discussione rispettando le differenze e i vari popoli che praticano questa religione.

--
15/11/2004 - 19:38 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
O mankind! We created
You from a single(pair)
Of a male and a female,
and made you into
Nations and tribes, that
Ye may know each other
(Not that ye may despise
(Each other). Verily
The most honoured of you
in the sight of Allah
is ( He who is) the most
Righteous of you.



Surah 49:13

--
15/11/2004 - 19:40 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 15/11/2004 - 19:40

>>that
Ye may know each other
(Not that ye may despise
(Each other). Verily
The most honoured of you
in the sight of Allah
is ( He who is) the most
Righteous of you.

Marta,

La conoscenza e l'aderenza a principi morali sono ben diverse dall'amore--il traguardo del cristianesimo.

giorgio



--
15/11/2004 - 22:41 [ Nuovo | Rispondi ]

lpx99.nl
Socio: no

Italians dal:
07/03/2003

3113 messaggi
si puo' essere tolleranti con gli intolleranti?

anni fa il mio pastore sollevo' questo quesito di fronte a dei rappresentanti delle assemblee di Dio, ma credo possa essere rivisitato sui musulmani in generale.

--
24/11/2004 - 15:50 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
La fede Cristiana e Islamica adora lo stesso dio?

Questa domanda se la pongono piu' i cristiani che i mussulmani. Questi assumono di piu' una continuita' di storia e rivelazione tra Giudaismo , Cristianesimo e Islam. I mussulmani seguono la tradistione di Abramo di Mose' e di Gesu' nell'adorare Allah, che e' appunto il nome arabico per DIO. I mussulmani non negano che i cristiani adorino il dio vero , solo dicono che peccano per associazione ( shirk), quando associano Gesu' con Dio.
Naturalmente per i cristiani God e' stato rivelato come Padre, Figlio e Spirito; parlare di Dio per i cristiani significa parlare della Trinita'.

Gli ebrei non accettano la Trinita', ciononostante pochi cristiani sostengono che gli ebrei non adorino lo stesso dio.
Da un punto di vista cristiano si puo' sostenere che il supersessionismo ( la Chiesa ha rimpiazzato Israele nella alleanza con Dio)e' errato e in questo modo si puo' stabilire una continuita' tra Giudaismo e Cristianita' senza compromettere la differenza delle due rivelazioni. Allo stesso modo si puo' fare con il Qur'an. I vari concetti di Dio e i vari modi che Dio parla ai diversi popoli non negano il fatto che entrambi le religioni si rivolgano allo stesso dio che e' conosciuto sotto diversi nomi.
I cristiani e i mussulmani adorano lo stesso dio che e' il dio di Abramo, di Sara e di Isacco, di Hagar e di Ismaele.


--
24/11/2004 - 16:02 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Ecco un brano della famosa lettera che Gregory VII scrisse al Sultan Al- Nisar nel 1066. Il sultano aveva richiesto al papa che uno dei sacerdoti locali fosse ordinato vescovo per assistere meglio i cristiani della regione. Ecco questo brano che dimostra anche come in certi momenti le relazioni con il cristianesimo erano migliori:

= The good God, Creator of all things, without Whom we can do nothing nor even imagine it, has inspired this( gesture) in your heart. He who illumines every person who comes into this world has enlightened your mind. For Almighty God, who desires that all people be saved and no one lost, approves in us above all the fact that , after having loved God, we should love our fellow, and that what we do not wish to be done to us we should not do to others. You and we both owe this charity to ourselves, especially because we believe in and confess the One God, albeit in different ways, and we praise and venerate Him every day as Creator and Governor of this world. We pray with heart and mouth that, after a long sojourn in this life, the same God may guide you to the bosom of happiness of the Holy patriarch Abraham.<

--
24/11/2004 - 16:10 [ Nuovo | Rispondi ]

felix.??
Socio: no

Utente cancellato

Italians dal:
??

?? messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 24/11/2004 - 16:02

Negando la divinità di Cristo non si mettono in discussione tutte le profezie dell'antico testamento? Se la risposta è no, chi allora è o sarà il "Figlio dell'uomo"?




--
24/11/2004 - 16:21 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di felix del 24/11/2004 - 16:21

Gli ebrei negando la divinita' di Cristo leggono le profezie dell'antico testamento come qualcosa che non si e' ancora realizzato.

Mi ricordo che un teologo ebreo un giorno mi disse che noi Cristiani gli avevamo rubato un riformatore della religione ebraica. Cioe' lui leggeva la vita e l'opera di Gesu' come quella di un riformatore in seno al giudaismo. Ne piu' ne meno come noi leggiamo quella di Francesco.



--
24/11/2004 - 18:40 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Continuo a rispondere a felix: si possono leggere le varie profezie sia come profezie che fanno riferimento alla storia di Israele stesso, o come visioni collettive di rinnovamento e nello stesso tempo credere nella divinita' di Gesu'. Perche' no? Perche' dobbiamo rubare una intera tradizione e rivelazione ad un popolo e farne la giustificazione della nostra fede? Questa mi sembra piu' politica che religione.

--
24/11/2004 - 18:44 [ Nuovo | Rispondi ]

felix.??
Socio: no

Utente cancellato

Italians dal:
??

?? messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 24/11/2004 - 18:44

Grazie per la risposta.
In un libro di un famoso teologo ebreo (si dice così anche per gli ebrei?) ci si chiedeva: ma chi è veramente il giudeo...Se è colui che esprime le lodi a Dio, allora lo siamo anche noi cristiani (e forse anche i musulmani) che in questa tradizione ci identifichiamo. Non è un ottimo presupposto per il dialogo interconfessionale???



--
24/11/2004 - 19:19 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di felix del 24/11/2004 - 19:19

Penso di si! E' importante dire che adoriamo lo stesso dio che ha parlato in modo diverso ai tre popoli. ( questo naturalmente e' un' anticamera ad un discorso piu' ampio della relazione delle nostre fede monoteiste a quelle non teistiche o alla posizione ateistica propria).


--
24/11/2004 - 23:23 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 24/11/2004 - 16:02

Marta,

Ma i cristiani dovrebbero adorare il Dio di Gesù, il quale mi pare sia molto differente dagli altri dei. Questa non è un’opinione politically correct, ma è la mia lo stesso.

giorgio

--
25/11/2004 - 00:28 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 25/11/2004 - 00:28

E' vero, ma il dio di Gesu' e' anche il dio di Abramo e di Ismaele. Non e' vero?

--
25/11/2004 - 01:05 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 25/11/2004 - 01:05

Come discorso inter nos e' il Dio della Trinita'.

--
25/11/2004 - 01:06 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 25/11/2004 - 01:05

>>ma il dio di Gesu' e' anche il dio di Abramo e di Ismaele. Non e' vero?

In un certo senso, sì. Ma in un altro senso più importante, no. È stato Gesù che ha insegnato Dio come Padre e lui come Figlio--e, importantissimo, figli anche noi.

Il Dio di Abram poteva dire a Mose che va bene uccidere impunemente uno schiavo "se sopravvive un giorno o due, perché è acquistato del suo denaro." (Esodo 23:12) Nota che non solo è la schiavitù accettabile per gli ebrei (i quelli erano liberti dalla schiavitù dallo stesso Dio), ma si potrebbe uccidere uno schiavo a condizione che lui non muore subito. Se il Dio degli ebrei veramente ha detto una cosa così, io non lo adoro. Però, sono convinto che c'è un solo Dio che si è rivelato un po' alla volta. È questo che voglio dire quando dico che il Dio degli ebrei non è il Dio del cristianesimo. I concetti di Dio sono così differenti l'uno dall'altro che non posso dire che abbiamo tutti quanti lo stesso Dio. Sto dicendo che le dottrine di una religione sono molto importanti perché ci portano ad un certo comportamento. Purtroppo, una cultura di qualsiasi religione può accettare comportamento del tutto contrario dalle dottrine di quella religione. Tipo: le crociate, o se per questo la guerra in Iraq.

giorgio

--
25/11/2004 - 08:08 [ Nuovo | Rispondi ]

felix.??
Socio: no

Utente cancellato

Italians dal:
??

?? messaggi
Risposta al messaggio di george del 25/11/2004 - 08:08

Osservazione giusta.Però non dimentichiamo il nucleo della questione: con Gesù (se veramente crediamo nella sua natura divina) Dio, che rimane il Dio di Abramo etc., stabilisce una NUOVA ed ETERNA alleanza (e definitiva) per modificare la legge di Mosé. Se cambia la legge non cambia Dio però...



--
25/11/2004 - 08:53 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 25/11/2004 - 08:08

Ma il dio degli ebrei non e' solo il dio della Holy War, e' anche il dio di Amos, di Isaia, il dio dei profeti. E' il dio che porta gli oppressi fuori dalla schiavitu'. Gesu' per me e' proprio il risultato di un'intepretazione delle scritture pacifiste. Gesu' non e' un extraterrestre e' un ebreo cresciuto proprio nella religione farisaica. E' un po' una prova che ci puo' essere un'interpretazione meno violenta della religione e della religione giudaica.Preferisco leggere Gesu' come un riformatore del giudaismo che non un annullatore. Anche lo stesso Paolo e' ambiguo a riguardo. E penso giustamente. Per il bene o il male il giudaismo rimarra' sempre un po' la coscienza storica del cristianesimo.

--
25/11/2004 - 13:55 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
inserisco la preghiera di Francesco:

SIGNORE,
fa’ di me uno strumento della tua pace.
Dove c’è odio, io porti amore.

Dove c’è discordia, io porti l’unione.

Dove c’è errore, io porti la verità.

Dove c’è dubbio, io porti la fede.

Dove c’è disperazione, io porti la speranza.

O Divino Maestro,

che io non cerchi tanto di essere consolato quanto di consolare.

Non di essere compreso quanto di comprendere.

Non di essere amato, quanto di amare.

Infatti: donando si riceve.

Dimenticandosi si trova comprensione.

Perdonando si è perdonati.

Morendo si risuscita alla vera Vita.

San Francesco d’Assisi





--
25/11/2004 - 14:03 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Una Preghiera Islamica

Allah
tu sei la pace.
Da Te viene la pace,
A Te ritorna la pace.
Salutaci Signore con la pace.
e conducici al tuo regno di Pace.


Maometto, preghiera usata dai mussulmani giornalmente

--
25/11/2004 - 14:15 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di felix del 25/11/2004 - 08:53

>>Gesù (se veramente crediamo nella sua natura divina) Dio, che rimane il Dio di Abramo etc., stabilisce una NUOVA ed ETERNA alleanza (e definitiva) per modificare la legge di Mosé. Se cambia la legge non cambia Dio però...

felix,

Sì invece: le leggi di un dio indicano la sua essenza. Se sono differenti le essenze delle divinità, non sono uguale anche se portano lo stesso nome, secondo me, per quel che merita.

giorgio





--
26/11/2004 - 03:32 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 25/11/2004 - 13:55

Marta,

>>E' il dio che porta gli oppressi fuori dalla schiavitu'.

È un argomento difficile per me dato che questo dio subito dopo aver liberato gli ebrei dargli il diritto di non solo aver i propri schiavi ma il diritto di ucciderli impunemente. Mi pare sarebbe meglio riconoscere che gli ebrei non hanno capito il loro dio o che Dio non ha scelto di dargli una rivelazione ampia. Forse si tratta un po' di tutt'e due. Non posso capire perché Dio ha scelto una rivelazione lenta attraverso la storia. Forse ha qualcosa a che vedere con la durezza dei cuori degli uomini di qualsiasi epoca.

>>Preferisco leggere Gesu' come un riformatore del giudaismo che non un annullatore.

C’era qualcosa di nuovo nel suo messaggio. Non gli ha dato disturbo dire: “Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per appetirla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.” (Matteo 5:28) È quel “ma io vi dico” che mi fa colpo. Con Gesù, abbiamo in fin dei conti un Dio della Trinità, un dio respinto da Giudaismo e da Islam. Adoriamo lo stesso dio? Ma come?

giorgio



--
26/11/2004 - 04:10 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 25/11/2004 - 14:15

>>conducici al tuo regno di Pace.

>>fa’ di me uno strumento della tua pace.

Marta,

Sembrano lo stesso sentimento, ma quale ha usato la spada?

giorgio




--
26/11/2004 - 04:16 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 26/11/2004 - 04:16

tutti e due, purtroppo.

--
26/11/2004 - 05:22 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 26/11/2004 - 04:10

Non credo che si tratti che gli Israeliti non abbiano capito il loro Dio o che noi, Cristiani, lo capiamo.
Gesu' l'ha capito, perche'lo ascoltava con orecchie pure. Francesco anche lui l'ha capito per lo stesso motivo.

Secondo me la rivelazione e' inseparabile anche dalla circostanza storica. Dio non ci fa violenza ma agisce attraverso le nostre vite. Nella scrittura del popolo ebraico troviamo il cammino di un popolo con Dio, nel bene e nel male, quando ha capito e quando non ha capito, quando ha ascoltato e quando invece ha monopolizzato la voce di Dio facendone uno strumento di conquista. Nelle scritture cristiane troviamo una storia simile fino ai nostri giorni. La differenza sostanziale e' che un ebreo, Gesu', ci ha mostrato un cammino diverso di pace e di amore verso il prossimo, e in lui abbiamo riconosciuto il Figlio di Dio. Ma anche noi,nonostante questa ulteriore rivelazione, abbiamo continuato ad ascoltare quando ci e' parso, ed a ridurre la voce di Dio ai nostri schemi di conquista.

Se tu parli di come la rivelazione sia stata ricevuta non vedo nessuna differenza tra noi e il popolo ebraico.

--
26/11/2004 - 05:33 [ Nuovo | Rispondi ]

clitennestra.il
Socio: no

Italians dal:
19/07/2003

1049 messaggi
vedere il dio degli ebrei come un dio della spada e'un'interpretazione errata, secondo l'ebraismo chiunque rispetti i 10 comandamenti e' degno del regno dei cieli indipendentemente dal fatto che sia buddista, cristiano etc. Gesu' era ebreo e, come marta ha gia' detto, la sua azione si colloca all'interno delle varie correnti dell'ebraismo di quel periodo. Alcuni ebrei, e dopo anche non ebrei, hanno creduto che lui fosse il messia profetizzato da daniele, isaia etc,; altri invece non ci hanno creduto e continuano ad apettarlo.

--
26/11/2004 - 08:54 [ Nuovo | Rispondi ]

clitennestra.il
Socio: no

Italians dal:
19/07/2003

1049 messaggi
Fondamentalmente il rifiuto di riconoscere in gesu' il messia sta nel fatto che coloro che hanno scritto i vangeli gli attribuiscono una natura divina. Secondo l'ebraismo siamo tutti figlio di dio, ma e' inconcepibile l'idea che un uomo abbia in se' l'essenza del divino, non so se mi spiego bene, che sia uomo e dio nello stesso tempo. Questa, sempre per l'ebraismo, e' una bestemmia che sminuisce la grandezza, la perfezione del divino... in fondo, questa e' un'opinione personale, lo stesso gesu' si guarda bene dal dire che lui sia uomo e dio insieme: quando ponzio pilato gli chiede: sei tu il figlio di dio ? Lui risponde: Tu lo dici!

--
26/11/2004 - 09:02 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 26/11/2004 - 05:22

>>tutti e due, purtroppo.

Marta,

No, Gesù non ha mai usato la spada.

cecil



--
27/11/2004 - 04:00 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 26/11/2004 - 05:33

>>La differenza sostanziale e' che un ebreo, Gesu', ci ha mostrato un cammino diverso di pace e di amore verso il prossimo, e in lui abbiamo riconosciuto il Figlio di Dio.

Marta,

E questo è un cambiamento profonde. Adesso abbiamo un Dio diverso da quello degli ebrei e loro non ne dubitano. Lo stesso vale per i musulmani. Non sto parlando dei seguaci di qualsiasi uomo, ma di Mose, Gesù, e Maometto.

giorgio

--
27/11/2004 - 04:10 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di clitennestra del 26/11/2004 - 08:54

>>vedere il dio degli ebrei come un dio della spada e'un'interpretazione errata

clitennestra,

Dipende da che parte del Vecchio Testamento si legge. Ecco Esodo 15:3 "Dio e prode in guerra; si chiama Signore (Yahweh)." Quando gli ebrei ha vinto un nemico, hanno riconosciuto il merito al Signore. Certamente si può trovare brani che parlano di pace, ma è la pace del vincitore o di chi che non ha nemici. Non è la pace di Gesù.

giorgio



--
27/11/2004 - 04:38 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 27/11/2004 - 04:00

Hai ragione ma la citazione era da Francesco ( che era stato un soldato). Poi in senso lato Islam e il Cristianesimo hanno usato le spade ( e le stanno usando tutt'oggi).

Gesu' non ha mai usato la spada. Questo e' giusto.

--
27/11/2004 - 04:42 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di george del 27/11/2004 - 04:10

Capisco che questa sia la tua idea.
Da parte mia vedo le differenze tra le varie teologie ma anche la familiarita' che deriva da una storia comune, la discendenza da Abramo e Sara , o Abramo e Ismaele.

Gesu' per me e' il figlio di Dio, ma non uso questo criterio per escludere gli altri. O per lo meno cerco di non usarlo per escludere.

Il mio Dio e' il Dio di Gesu'. E' il creatore, padre,( e io aggiungo madre) di tutti. Parleremo piu' a fondo della Trinita' che per me e' importante perche' e' un modo in cui la mia tradizione ha parlato di Dio. E' chiaro che la mia posizione storica non e' quella dell'uomo Gesu'. Io ho una fede post-resurrezione. Quindi io credo che Gesu' sia Figlio di Dio e lo faccio in un modo particolare cioe' tenendo conto della tradizione cristiana.
Questa tradizione fino ad un certo punto mi ha insegnato a rileggere la testimonianza pre-resurrezione come una conferma degli eventi che avvennero dopo. Ma la stessa tradizione ( in tempi piu' recenti) mi ha insegnato anche a rileggerla rispettando quelle profezie indirizzate ad un altro popolo.
A me piace questo movimento di una, due , tre interpretazioni nella stessa tradizione. Vuol dire che la tradizione e' viva e non si e' fossilizzata.




--
27/11/2004 - 04:57 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di clitennestra del 26/11/2004 - 09:02

>>Fondamentalmente il rifiuto di riconoscere in gesu' il messia sta nel fatto che coloro che hanno scritto i vangeli gli attribuiscono una natura divina

Perché il vero messia avrebbe liberato gli ebrei dai romani o qualsiasi altri nemici. Il fatto che non l'ha fatto era prova che lui non era il messia.

>>quando ponzio pilato gli chiede: sei tu il figlio di dio ? Lui risponde: Tu lo dici!

Ma guarda Luca 22:70 "Tu dunque sei il Figlio di Dio?" Ed egli disse loro, "Lo dite voi stessi: il lo sono."

>>Secondo l'ebraismo siamo tutti figlio di dio

Sì, e secondo Salmo 2:7 "Tu sei il mio figlio, io oggi ti ho generato...ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra." Non esattamente che cosa ha fatto Gesù che camminava la via di pace e della negazione di potere mondano.

Tu e Marta mi fate pensare!

giorgio





--
27/11/2004 - 05:13 [ Nuovo | Rispondi ]

felix.??
Socio: no

Utente cancellato

Italians dal:
??

?? messaggi
Risposta al messaggio di george del 27/11/2004 - 05:13

Sí, siamo tutti figli di Dio, ma sulla natura del Messia in particolare possiamo trovare una risposta in quel magnifico ed inimitabile inizio del Vangelo secondo Giovanni.



--
27/11/2004 - 09:07 [ Nuovo | Rispondi ]

clitennestra.il
Socio: no

Italians dal:
19/07/2003

1049 messaggi
il titolo della discussione e' l'islam, ma mi sembra che stiamo parlando di tutt'altro, lo dico semplicemente per il fatto che se non ci si attiene al tema della discussione questa potrebbe essere chiusa

--
27/11/2004 - 09:48 [ Nuovo | Rispondi ]

felix.??
Socio: no

Utente cancellato

Italians dal:
??

?? messaggi
Risposta al messaggio di clitennestra del 27/11/2004 - 09:48

Non credo che si stia affrontando un tema diverso. Penso solo che stiamo facendo un largo giro. Come crediamo di poter conoscere l'Islam se prima non comprendiamo l'essenza del Giudaismo e del Cristianesimo. Certa ostilitá nei confronti dei musulmani nasce innanzitutto dal volerla considerare una cultura estranea alla nostra quando in realtà ci sono molti punti in comune. Per questo è necessario fugare ogni dubbio riguardo alla unicità del Dio che della pace e della fratellanza.



--
27/11/2004 - 11:27 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Risposta al messaggio di clitennestra del 27/11/2004 - 09:48

Clitennestra, qui non stiamo parlando di altro secondo me.
Abbiamo cominciato a rivedere il rapporto di tre religioni monoteiste Giudaismo, Cristianesimo, Islam. E' una maniera come un'altra per entrare nell'argomento. Nel frattempo mentre stiamo cercando un punto in comune ( o discutendo se esiste o meno) tra le 3 religioni emergono altri concetti importanti che discutiamo di volta in volta.

Penso che sia la maniera piu' interessante per affrontare la discussione.

--
27/11/2004 - 16:03 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di felix del 27/11/2004 - 09:07

>>sulla natura del Messia in particolare possiamo trovare una risposta in quel magnifico ed inimitabile inizio del Vangelo secondo Giovanni.

felix,

È insuperabile.

giorgio



--
27/11/2004 - 22:12 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di clitennestra del 27/11/2004 - 09:48


>>il titolo della discussione e' l'islam, ma mi sembra che stiamo parlando di tutt'altro

clitennestra,

Non ci parliamo del dio dell'Islam? Per capirlo, dobbiamo capire la sua natura a paragone delle nature dei dèi più conosciuti: Yahveh e Padre.

giorgio


--
27/11/2004 - 22:25 [ Nuovo | Rispondi ]

Marta 1.ca
Socio: no
Utente sospeso

Italians dal:
11/09/2003

20133 messaggi
Parliamo un po' delle differenze teologiche che separano mussulmani e cristiani.

Per esempio la dottrina della Trinita'. Questa crea dei problemi per un mussulmano che cerchi di capire come un cristiano puo' affermare di credere in un solo Dio e allo stesso tempo usare la formula tradizionale trinitaria : Padre, Figlio e Spirito Santo. Per un mussulmano questa formula ( e le derivazioni di questa formula) suonano tutte come politeismo e (percio') idolatria.

Nuovi sviluppi del concetto della Trinita' possono offrire piu' possibilita' di dialogo ( che non la dottrina tradizionale). L'accento qui viene posto piu' nel considerare Gesu' Cristo come un'esperienza salvifica e di incontro con Dio in una maniera non esclusiva. Gesu' come una persona storica non viene considerato come l'"unico" sforzo di Dio di portare vita e salvezza al mondo. In fatti quello che i cristiani esperimentano in Gesu' e' un Dio che e' infinitamente pieno di risorse e che senza posa e' alla ricerca dell'umanita' per salvarla. Invece di vedere Gesu come una esauriente espressione dell'amore di Dio, cominciamo a vedere Gesu' in un modo piu' inclusivo, cominciando a vedere la possibilita' di riconoscere l'amore redentore di Dio anche in altre tradizioni religiose.

--
04/12/2004 - 13:09 [ Nuovo | Rispondi ]

george.us
Socio: no

Italians dal:
20/07/2004

239 messaggi
Risposta al messaggio di Marta 1 del 04/12/2004 - 13:09

>>Nuovi sviluppi del concetto della Trinita' possono offrire piu' possibilita' di dialogo

Mi sono domandati se potessero capire che un dio senza pluralità originaria non poteva capire nemmeno la sua natura. Come sarebbe Lui saper anche la sua natura, quella di amore, se non avesse sempre qualcuno da amare?

cecil



--
05/12/2004 - 07:41 [ Nuovo | Rispondi ]

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >> Fine