Autenticazione

Nickname
Password
Iscriviti a Italiansonline!
Password dimenticata?
Forum Politica & Società

Il forum dedicato alla politica e alla società.
Discussione: Discussione sul federalismo italiano

  I messaggi vengono inviati dai rispettivi autori sotto propria e unica responsabilità.
Il forum è moderato. Leggi il regolamento e rispetta la netiquette.


1 2

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Ritengo che il concetto di federalismo Italiano abbia molto a vedere con "lo spirito italian". L'argomento viene toccato sporadicamente in vari forum IOL, ma sempre di sfuggita (credo a causa del coinvolgimento regionale dei vari iscritti). Per questo mi piacerebbe vedere una discussione specifica, con chiare prese di posizione su questa proposta di riforma.
Pregherei però di attenersi strettamente al fenomeno italiano, senza tirare in ballo e a confronto le grandi confederazioni straniere con altra storia e/o dimensioni (USA, Svizzera, Germania, Brasile, Argentina ecc.). Io sono contrario a qualsiasi forma di federalismo in Italia, e mi è diventata antipatica perfino la parola.
Ma siccome sono napoletano, le mie opinioni potrebbero essere considerate faziose. Credo che in questa discussione le opinione dei nordici (lombardi, veneti, etc.) possano avere un peso maggiore presso gli stessi nordici.
Insomma, siete favorevoli, contrari o tiepidi ?

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
05/05/2010 - 00:34 [ Nuovo | Rispondi ]

Maeve.ca
Socio: no

Italians dal:
13/01/2004

12773 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/05/2010 - 00:34

assolutamente contraria, e sono di Milano

--
Yeah, whatever.
05/05/2010 - 05:42 [ Nuovo | Rispondi ]

Riccardo_bxl.be
Socio: no

Italians dal:
09/03/2006

1259 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/05/2010 - 00:34

tendenzialmente favorevole (io sono di genova), storicamente le regioni italiane erano potenti, commercialmente e artisticamente evolute quando controllavano una ristretta parte di territorio.

cosa non mi sta bene e' che questo federalismo "moderno" della lega e' portato avanti da personaggi quantomeno razzisti, ignoranti e bifolchi.

certi slogan e certe azioni mi lasciano veramente interdetto.

--
05/05/2010 - 08:52 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Io penso che si tratti di una colossale sciocchezza.
Incominciamo col dire che il ns/ federalismo é la conseguenza del fallimento totale del governo centrale, vorace, criminalmente inerte, ostaggio di mediocri personaggi, e da molti anni incapace di governare l'Italia. Costoro, abdicando in favore del federalismo, si mettono al sicuro da responsabilitá future di buon governo, e nello stesso tempo svendono ad altri aspiranti parassiti (numerosi in tutte le regioni) non solo i beni demaniali, che son di tutti, ma anche la potestá di esercitare governicchi settari e lucrosi su sempre piú piccole parti d'Italia.
Ci vogliono far credere che il cittadino possa esercitare un migliore controllo sugli amministratori locali !! Invece (se ne possono giá intravedere degli esempi) c'e' concomitanza d'interessi tra quelli che si vogliono disfare di un incarico gravoso di governo, e quelli che vogliono mettere anch'essi le mani sul malloppo senza rotture di scatole da parte del controllo centrale (e figuriamoci poi dei miseri cittadini).
Siamo tornati ai tempi del feudalesimo, quando il re concedeva ai suoi fedeli vassalli (anche perché non poteva evitarlo) parti del reame e l'impunitá di fatto.
Ci aspettano tempi duri, sotto la sferza dei signorotti locali (se si attuerá questa follia).

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
05/05/2010 - 18:38 [ Nuovo | Rispondi ]

Il Pelide.be
Socio: no

Italians dal:
10/03/2003

29748 messaggi
Risposta al messaggio di Riccardo_bxl del 05/05/2010 - 08:52

Concordo.
Se serve a far andar meglio le cose in Italia, ben venga. Ma che non sia la Lega a farlo, per carità! E che chiunque lo faccia, lo faccia bene!!

--
"Ogni popolo ha il governo che si merita" (W. Churchill) - E in tutta umiltà io aggiungo: "e l'opposizione che si merita".
05/05/2010 - 20:53 [ Nuovo | Rispondi ]

frenzen.es
Socio: no

Italians dal:
08/05/2007

3174 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/05/2010 - 00:34

Io sono contraria e se dovessimo prendere sul serio anche la separazione tra l'Emilia e la Romagna (sono di Modena) mi dispiacerebbe molto, infatti come separare la piadina dal prosciutto di Parma?

--
ho piantato un albero, ho fatto un figlio e ora mi manca da scrivere un libro
05/05/2010 - 21:00 [ Nuovo | Rispondi ]

cle.gl
Socio: no

Italians dal:
15/09/2004

11234 messaggi
Risposta al messaggio di Riccardo_bxl del 05/05/2010 - 08:52

Sul federalismo in sé non saprei sinceramente son al 50% pro e al 50% contro. Sicuramente manderei a casa (se non a scuola) quegli ignorantoni della Lega.
Uno crede che col federalismo le tasse per le altre regioni non si paghino, eppure in Germania (dove vivo) , stato federale, le tasse per le altre regioni le paghi eccome: nelle regioni della Germania Ovest si paga, tra tasse e balzelli, anche la tassa di solidarieta´per i Länder della ex DDR. Quindi...

--
E va bene cosi´...senza parole (V.Rossi)
05/05/2010 - 21:25 [ Nuovo | Rispondi ]

jannis.it
Socio: no

Italians dal:
30/07/2009

402 messaggi
In 150 anni non siamo ancora riusciti a completare il "lavoro" dell'unificazione; non credo che la federazione possa riuscire meglio. Se il problema è il decentramento questo aspetto potrebbe essere affrontato dalle regioni, ma a quanto pare non vengno gestite meglio del governo centrale.
Io comunque, da Roma, sono contro il federalismo.

--
05/05/2010 - 21:39 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Risposta al messaggio di Riccardo_bxl del 05/05/2010 - 08:52

Caro Riccardo, nel passato si trovano esempi storici valevoli per tutto. P.es. potrei dire che al tempo dei romani l'Italia unificata era un potente impero! Nel tempo da te citato l'Italia era anche territorio di conquista per Austria, Francia, Spagna, e di tutti quelli che sapevano trarre profitto dalle inimicizie degli italiani che si combattevano incessantemente tra loro (un po' come ora), perche' non erano confederati, ma piccoli e autonomi (cioè=secessione). Anche se commercialmente e artisticamente brava (che altro potevano fare ?), la gente italica non contava nulla politicamente, e fu sistematicamente esclusa dai grandi rivolgimenti successivi (scoperte e conquiste geografiche e poi rivoluzione industriale) in cui gli italiani hanno preso parte da servi e da emigranti (Colombo, Vespucci e co.) al servizio degli stranieri che avevano delle nazioni unitarie. Tutte iniziative individuali (come ora), evidentemente perchè non potevano realizzarsi nei loro piccoli paesi. Invece si sa che l'unione fa la forza. Oggi c'è la globalizzazione, e di tutto c'è bisogno, tranne che della frammentazione.
Per quanto riguarda poi la qualità dei propugnatori di questo cosiddetto "federalismo", hai perfettamente ragione. Sono razzisti, ignoranti e bifolchi (aggiungo che sono nepotisti e motivati solo dall'avidità di denaro)! Ma, secondo te, non dovrebbero bastare queste loro "virtù" a renderci sospetto e inviso il movimento ? A tutti consiglio di ricercare in internet, e leggere, le biografie di questi signori , a cominciare da .. < [Link] > e < [Link] >

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
06/05/2010 - 10:46 [ Nuovo | Rispondi ]

F12.lu
Socio: no

Italians dal:
03/02/2004

4656 messaggi
Sono Italians da moltissimi anni, perciò temo di aver perso il contatto reale con il paese. Oltretutto vengo da una regione, l'Alto Adige, dove almeno l'amministrazione della provincia funziona (anche se Durni e SVP sono arroccati su posizioni di difesa reazionarie insopportabili..).
La mia informazione è quella degli expat: giornali, TV, stampa alternativa, parenti da Torino a Roma.
A pelle, in ordine sparso,direi che:
a. la massa degli italiani non è in grado di percepire le
difficoltà e i pericoli del progetto (?) così com'è presentato
dalla Lega
b. sarò cattiva e settaria, ma in gran parte secondo me dipende
dall'"a-cultura" in tutti i sensi che oggi caratterizza la
maggioranza della popolazione italiana
c. la corruzione, grande e piccola, che ha ormai corroso l'anima
di quasi tutti,fa sì che ciascuno pensi solo a salvare il
proprio "particulare"
d. la Lega ha imparato a mangiare molto più di Roma ladrona e
non è certo a Lei che dobbiamo chiedere senso dello Stato
f. mister B. ha bisogno di Bossi
g. per concludere, oggi come oggi il federalismo, così come con-
cepito dalla Lega, sarebbe il colpo di grazia definitivo per
un paese che non è ancora nato.



--
È arrivata la bufera / è arrivato il temporale / chi sta bene e chi sta male / e chi sta come gli par!"
07/05/2010 - 13:53 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Risposta al messaggio di F12 del 07/05/2010 - 13:53

F12 ! Bella e molto acuta la tua analisi, che condivido in tutti i punti da "a." fino a "g.".

Non mi sembra che tu abbia perso il contatto reale col paese. Al contrario credo che proprio gli expat, o chi lo e' stato, abbiano una visione piu' obiettiva. Gli emigrati sono la speranza dell'Italia, perche' secondo me, stando lontani, e facendo confronti, riscoprono il loro latente amor di patria.

Inoltre non credo che l'Italia non sia ancora nata. Io la ritengo una e unitissima, per questo sono cosí astioso contro qualsiasi proposta di smembramento, sotto qualsiasi forma, anche sotto quella di un inizio di finto federaslismo.
Vorrei che tutti si adoperassero per combattere questa brutta cosa. W l'Italia unita.

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
09/05/2010 - 01:09 [ Nuovo | Rispondi ]

nighthawk.it
Socio: no

Italians dal:
17/06/2003

2811 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/05/2010 - 00:34

parzialmente favorevole e non come lo vuole fare la lega. Ritengo che allo stato dovrebbero competere istruzione difesa giustizia sicurezza (interno) affari esteri e sanità (grosso errore darla alle regioni dove si rischia di avere pazienti di serie A e B). Il resto lascerei in mano alle regioni che scelgano la politica migliore in base alle esigenze locali che non necessariamente coincidono con quelle nazionali.

--
gira gira il cetriolo finisce sempre........
10/05/2010 - 18:30 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Risposta al messaggio di nighthawk del 10/05/2010 - 18:30

Lo stato unitario ha funzionato bene dal 1945 in poi per lungo tempo. La sua distruzione si deve, secondo me, solo a fattori economici.
Man mano che il benessere della nazione cresceva, i tanti maneggioni italiani di TUTTE le regioni (comuni,provincie,regioni) premevano per assicurarsi danaro e privilegi (e raggiunsero notevoli successi).
Con "mani pulite" (scoperta a Milano) nacque la speranza di un rinnovo, ma ora vediamo che stiamo peggio di prima.
E' evidente, a mio avviso, che le forze disgreganti continuano a lavorare con successo, ed una di queste si chiama eufemisticamente "federalismo".
In realta' questo non e' che il "contentino" accettato al posto della secessione, ideata e bramata da un certo numero di imbecilli, disposti ad accettare un qualsiasi primo passo, per poi realizzare man mano il loro disegno di indipendenza (cioe' di aver mano libera sui soldi).
A tutti gli IOL che vivono all'estero, ed in particolar modo a quelli che vivono negli USA e idolatrano gli americani, chiedo di fare il seguente test : " provare, in loro presenza e con la stessa teatralita', a dire per la LORO bandiera le stesse uguali cose che ha detto Bossi sulla NOSTRA bandiera. " E' un piccolo test, ma si potrebbe rivelare molto istruttivo per gli italiani che non sentono la dignita' della propria nazione.
Il federalismo e' questo, e non lo apprezzo neanche parzialmente.

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
14/05/2010 - 23:22 [ Nuovo | Rispondi ]

nighthawk.it
Socio: no

Italians dal:
17/06/2003

2811 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 14/05/2010 - 23:22

Il federalismo e' questo, e non lo apprezzo neanche parzialmente.


se lo dici tu....

--
gira gira il cetriolo finisce sempre........
15/05/2010 - 17:32 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Faccio salire questo thread non tanto per rinfocolarlo, quanto per congedarmene. Sull'argomento non posso dire piú di quanto ho detto, e cioé che sono assolutamente contrario a qualsiasi sua forma, anche solo ideale.
Il Metternich non sapeva quanta veritá profetica ci fosse nelle sue parole "L'Italia e´solo un'espressione geografica".
Infatti per me é italiano ogni essere vivente nato tra la cresta delle Alpi e le coste della Sicilia, e l'unitá realizzata dai nostri avi rispecchia questi confini. Prima che col sangue di tanti italiani, essa fu realizzata dalla spinta intellettuale e morale di tanti grandi uomini: Dante, Foscolo, Alfieri, Leopardi, Manzoni, Mazzini e tanti altri. Per disfarla bastano Bossi, Calderoli, Speroni, Borghezio e pochi altri.
E' una vera tristezza constatare il disinteresse degli italiani per il disfacimento della loro nazione. In realtá sono contrario a parlare di politica in questo sito, ma pensavo che questo argomento fosse a cuore di quelli che si definiscono Italians, intesi ad aiutare i propri connazionali, e tutto sommato orgogliosi di essere italiani all'estero. Mi sembrava che il decantato e cosiddetto spirito IOL in questo settore fosse incompatibile con il federalismo (che tende a separare chi é giá unito).
Ringrazio quei pochi che hanno espresso con coraggio e chiarezza la loro posizione (Maeve, Frenzen, Jannis,F12 ). Ringrazio anche quelli che hanno espresso un loro parere contrario, anche se non del tutto motivato, e che poi hanno desistito dalla discussione. Senza merito ed inutili sono i commenti del tipo : "se e´una cosa buona, ben venga" oppure "se si fa, che lo facciano
delle persone in gamba"
Anche un calcio nel sedere, se dato per il bene d'Italia, puo'essere considerato positivamente.
Quanto poi al valore dei leghisti ....

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
01/08/2010 - 13:06 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Nel frattempo peró si svolge il divorzio Fini/Berlusconi.

Era ora ! Non mi sembrava una posizione onorevole quella di Fini, che nel governo doveva tollerare la Lega, da lui in passato piu' volte avversata. Ed era anche incompatibile con il suo passato l'attentato all'unitá fatto dal federalismo.

Staremo a vedere. Io spero proprio che da questo fatto possa rinascere un barlume di speranza per l'Italia.

--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
01/08/2010 - 13:08 [ Nuovo | Rispondi ]

jannis.it
Socio: no

Italians dal:
30/07/2009

402 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 01/08/2010 - 13:08

Anche se siamo in una fase di cambiamento (rispetto allo stallo degli ultimi 10-15 anni)non mi aspetto nulla di buono. A parte la presa di posizione di Fini le persone che gli girano intorno sono le stesse (notare Casini e Rutelli tanto per citare due nomi).

--
09/08/2010 - 11:20 [ Nuovo | Rispondi ]

Il Pelide.be
Socio: no

Italians dal:
10/03/2003

29748 messaggi
Non sapevo in quale thread mettere questo, [Link]
l'ho messo qui.
Grande Galli Della Loggia !!!

--
"Ogni popolo ha il governo che si merita" (W. Churchill) - E in tutta umiltà io aggiungo: "e l'opposizione che si merita".
10/08/2010 - 15:08 [ Nuovo | Rispondi ]

rusty.it
Socio: no

Italians dal:
20/09/2003

3330 messaggi
Io invece segnalo questo, i pezzi lì segnalati mi son piaciuti.
Anche quello pubblicato e poi spariti, ma me lo sono andata a cercare e l'ho segnalato nei commenti.



--
Meglio scrivere per se stessi e non avere un pubblico, che scrivere per un pubblico e non avere se stessi. (Connoly)
10/08/2010 - 19:09 [ Nuovo | Rispondi ]

rusty.it
Socio: no

Italians dal:
20/09/2003

3330 messaggi
Risposta al messaggio di rusty del 10/08/2010 - 19:09

scordai il link [Link]

--
Meglio scrivere per se stessi e non avere un pubblico, che scrivere per un pubblico e non avere se stessi. (Connoly)
10/08/2010 - 19:12 [ Nuovo | Rispondi ]

jannis.it
Socio: no

Italians dal:
30/07/2009

402 messaggi
Risposta al messaggio di Il Pelide del 10/08/2010 - 15:08

Certamente è un bell'articolo e ha il merito di portare l'attenzione su un personaggio che ormai è ricordato solo dalla toponomastica delle città italiane.
Leggendolo però ho l'impressione di imbattermi in concetti lontanissimi dall'attualità del nostro paese, quasi fossero dei temi fuori luogo.

--
11/08/2010 - 11:07 [ Nuovo | Rispondi ]

Il Pelide.be
Socio: no

Italians dal:
10/03/2003

29748 messaggi
Risposta al messaggio di jannis del 11/08/2010 - 11:07

E' esattamente il succo della questione.
Se c'è una cosa che manca drammaticamente in Italia sono i liberali veri. E non a chiacchiere, in un paese dove tutti si autodefiniscono liberali e poi si prostituiscono alla chiesa.
Fra le cose di Cavour che più volentieri ricordo c'è il motto "Libera Chiesa in Libero Stato".
Seeeeee.......... col cavolo !!!!!!!!!!!

--
"Ogni popolo ha il governo che si merita" (W. Churchill) - E in tutta umiltà io aggiungo: "e l'opposizione che si merita".
11/08/2010 - 12:33 [ Nuovo | Rispondi ]

pashqua.us
Socio: no

Italians dal:
27/03/2003

6907 messaggi
ma cosa vorebbe dire federalismo in Italia? ogni regione tassa se stessa? e le regioni povere come farebbero?

--
12/08/2010 - 13:50 [ Nuovo | Rispondi ]

Il Pelide.be
Socio: no

Italians dal:
10/03/2003

29748 messaggi
Risposta al messaggio di pashqua del 12/08/2010 - 13:50

The answer, my friend, ... scatenerebbe una tempesta !!

--
"Ogni popolo ha il governo che si merita" (W. Churchill) - E in tutta umiltà io aggiungo: "e l'opposizione che si merita".
12/08/2010 - 13:53 [ Nuovo | Rispondi ]

pashqua.us
Socio: no

Italians dal:
27/03/2003

6907 messaggi
Risposta al messaggio di Il Pelide del 12/08/2010 - 13:53

caro mio, succede anche qui, la citta' di NY prende tanti sussidi dal resto del paese...

--
16/08/2010 - 15:31 [ Nuovo | Rispondi ]

egon.de
Socio: no

Italians dal:
07/06/2010

594 messaggi
Risposta al messaggio di pashqua del 12/08/2010 - 13:50

rimarebbero povere come sono adesso. i soldi che il potere politico centrale( "i pochi soliti noti nazionali") ha dato alle regioni povere(dopo averci fatto la cresta sul totale delle entrate)se li sono pappati "i pochi soliti noti regionali". Se viene il federalismo "i soliti pochi noti regionali " se li prendono direttamente. il resto della popolazione povera era e povera resta.



--
17/08/2010 - 11:38 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Anche se con un po' di ritardo, vorrei esprimere un plauso al governo Monti per aver eliminato il ministero del federalismo, ed aver creato invece quello della Coesione territoriale.

Esprimo anche viva e vibrante soddisfazione per le esternazioni del Presidente Napolitano (qualche tempo prima del governo Monti) contro le manie secessioniste.

La cosa mi sorprese favorevolmente, perchè nel precedente governo (ovvero nei quasi dieci anni di presenza della lega al governo) non si sentiva mai nessun politico che osasse dire apertamente e con veemenza qualcosa a favore dell'unità d'Italia.
Era un po' un argomento tabu.

Sul governo Monti, si sa, ci sono molte ombre. Se ne trovano a bizeffe su Internet.

Ma almeno queste mosse me lo fanno piacere tanto.

Viva l'Italia unita.


--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
05/01/2012 - 23:24 [ Nuovo | Rispondi ]

gonzalezblanco.it
Socio: no

Italians dal:
13/09/2011

482 messaggi
Risposta al messaggio di Il Pelide del 10/08/2010 - 15:08

Bello l'articolo di Galli Della Loggia!
E per questo, vero anche che oggi, qui da noi, 'pare' che di Cavour nun ce passa manco p''o ca...

--
.
06/01/2012 - 01:41 [ Nuovo | Rispondi ]

gonzalezblanco.it
Socio: no

Italians dal:
13/09/2011

482 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/01/2012 - 23:24

Ammetto che non avevo notato.. meglio, non avevo dato il giusto peso alla cosa.
Il plauso però lo condivido maggiormente per le precedenti esternazioni di Napoletano, perché bisogna dire che Monti, seppur da elogiare, in questo, - l'ho appena fatto appresso a te - non ha e non aveva da nascondere ricatti a cui sottostare da parte di un nemico, l'unico a prima vista, che si è appalesato come tale nei suoi confronti dal primo giorno in cui si era tirato in ballo il suo nome a ruolo di guida del governo.

L'inimicizia, a quanto pare, nasceva proprio dal fatto che un uomo che non avesse da 'sottoscrivere' contratti, (ed -un po' meno- che non avesse clausole di contratti già sottoscritti a cui sottostare) potesse più facilmente liberarsi dal tabù e sfatarlo così anche per tutti gli altri consociati.

Prim'ancora che per le vicende extra-politiche, ciò che mi ha fatto storcere maggiormente il naso al governo di Berlusconi, ma direi piuttosto sulla politica stessa degli ultimi anni, è stata la circostanza che il fondatore di un partito che si chiamava 'Forza Italia' per poter, nelle sue intenzioni, 'sostenere' l'Italia, è 'sceso' a patti, condividendone la guida una volta al governo, con colui che (chiamiamola sineddoche) ha tifato contro l'Italia (agli ultimi mondiali di calcio, ma non solo).
Mi pare abbastanza per 'diffidare'.... ultimi anni della politica italiana generale

Scritto questo, e tornando al nocciolo della questione, è vero, neanche a me piace il termine 'federalismo', ma è vero anche, secondo me, che per essere uniti, e restare coesi, qualunque sia l'intento, occorre responsabilità da parte di tutti, e a diversi livelli, altrimenti si rischia comunque la sgretolazione.

Mi fa ridere, se non piangere, pensare che tutti i 'leghisti' pensino alla Calderoli. Io, a dire il vero, prima che Zaia fosse eletto a presidente della Regione, ne apprezzai alcune iniziative, alcune attuate, lanciate durante il suo ministerio all'agricoltura.

--
.
06/01/2012 - 02:38 [ Nuovo | Rispondi ]

libra7.id
Socio: no

Italians dal:
29/09/2011

498 messaggi
sono fortemente anti leghista e decisamente anti federalismo, cosi` come e` stato ideato, solo per favorire una sola parte degli italiani.

gli italiani hanno bisogno di "sentire" di appartenere ad una cultura comune, sotto una unica bandiera, espressione di tante lotte per ottenere l'indipendenza.
Lo dobbiamo ai nostri morti nelle guerra d'indipendenza e nella prima guerra mondiale.
lo dobbiamo ai nostri figli perche` sentano di avere radici profonde nella cultura e nella storia dell'Europa.
Questi settari della lega fanno leva e guadagnano proseliti rinfocolando sentimenti faziosi, ed istinti egoistici di persone rancorose.
Accusano il governo centrale di mal amministrare, non sono in grado di giudicare, dico solo che gli amministratori della cosa pubblica sono uomini e come tali soggetti a sbagliare, di qualsiasi colore sia il fazzoletto che sventolano.
Che la politica sia mal frequentata, e` cosa nota, ma la volgarita` che l'ha caratterizzata in questi ultimi anni, da quando un ometto come Bossi e i suoi fedeli leccapiedi sono apparsi sulla scena, non si era mai vista.


--
06/01/2012 - 04:27 [ Nuovo | Rispondi ]

libra7.id
Socio: no

Italians dal:
29/09/2011

498 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 05/01/2012 - 23:24

hai perfettamente ragione, troppi ignavi stanno a guardare, non partecipano, non intervengono, aspettano .... e poi diventano facile "preda" di chi li sa manipolare.

--
06/01/2012 - 04:35 [ Nuovo | Rispondi ]

Surfandturf.gb
Socio: no

Italians dal:
17/06/2011

2389 messaggi
Risposta al messaggio di libra7 del 06/01/2012 - 04:35

Sono d'accordo che il federalismo, pagliativo dell'indipendenza, e oramai un concetto anacronistico, e che bossi non e' certo una persona che possa suscitare dei sentimenti patriottici ( padani ovviamente) ...di nessuna natura.
Ma. ....Ma bisogna considerare cosa ha convinto migliaia e migliaia, mi pare il 10% dei votanti o giu di li, a essere d'accordo con quello che lui diceva, lui....una persona certamente ....mediocre,fino al punto da diventare una forza popolare di un certo rilievo.
Il motivo, dobbiamo prima di tutto trovare il motivo..
e personalmente non lo identifico con la voglia del separatismo, ma con il rifiuto di accettare un sistema id governo che e' diventato alieno a quella parte di popolo che non e' piu contento di vivere con certi sistemi e certe imposizioni.
Questo rifiuto si manifesta in un rigetto. Il rigetto manipolato diventa una forza politica che infervora e promette una alternativa risolutiva, un divorzio.
Poi gli imnbonitori della folla sono sempre estremisti, altrimenti se fossero equilibrati non potrebbero infervorare nessuno...ovviamente se non capisci il dialetto....non puoi infervorarti


--
No trees were killed in the sending of this message but a large number of electrons have been terribly inconvenienced.
07/01/2012 - 22:35 [ Nuovo | Rispondi ]

libra7.id
Socio: no

Italians dal:
29/09/2011

498 messaggi
Risposta al messaggio di Surfandturf del 07/01/2012 - 22:35

per onesta` intellettuale mi sforzo sempre di capire quali sono le motivazioni di certi comportamenti. Questa volta la situazione e` tanto chiara che non pensavo ci fosse bisogno di sottolinearla.
Il motivo e` l'egoismo, i leghisti non vogliono pagare le tasse, non vogliono contribuire al mantenimento dello Stato, ma se proprio devono, che i soldi rimangano a "casa" loro.
Bossi non ha bisogno di fomentare, dice esattamente quello che loro vogliono sentire, prende lo spunto dall'insoddisfazione di uno strato della popolazione del nord, facendo leva sull'egoismo personale e il campanilismo.
Intraprendenti, lavoratori ma egoisti oltre il lecito e disonesti, stando alle denunce della Guardia di Finanza sul numero di evasori fiscali scoperti nell'ultimo anno.
Basta dire "Roma ladrona" per evidenziare una parte del paese, che consuma benessere che loro si arrogano il merito di aver prodotto.
I leghisti vogliono creare due pesi e due misure, considerano il nord produttivo e quindi privilegiato ed il sud una palla al piede.
Se e` cosi` che la vogliono vedere, la stessa situazione si potrebbe evidenziare in quei nuclei familiari in cui il marito lavora e mantiene la famiglia e la moglie accudisce tutti, svolgendo mille incombenze, ma lo stesso ritenuta improduttiva.
Se il nostro amatissimo sud e` rimasto indietro al resto del paese e` perche` il mggior numero di industrie, aziende, fabbriche sono concentrate nel nord.
I grandi capitali rimangono al nord, il centro-sud si industria col proprio ingegno e la voglia di fare, di piu` non puo`.



--
09/01/2012 - 07:18 [ Nuovo | Rispondi ]

tamarro.de
Socio: no

Italians dal:
09/02/2006

9285 messaggi
Risposta al messaggio di libra7 del 09/01/2012 - 07:18

Esatto libra, mi sembra che sulla tua analisi non ci sia proprio nulla da eccepire!
A me personalmente, sentir parlare i leghisti mi fa venire un tale nervoso da diventare... razzista! ... Con loro però!
Leggere poi su quasi tutti i quotidiani che il loro motto sia "Roma ladrona" (io sono di Roma... n.d.r.) e poi sapere che la moglie di Bossi percepisca già una pensione principesca a soli 37 anni e il figlio (c*****e! ) sia stato messo con il suo bel popò su una sedia dell'amminstrazione pubblica a 12.000 € al mese per non fare un c***o, beh, mi interrogo davvero sul concetto leghista di ladrone...



--
ನೀವು ಏನು ಪ್ರಬಲಗೊಳಿಸುತ್ತದೆ ಕೊಲ್ಲಲು ಇಲ್ಲ
09/01/2012 - 08:10 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Risposta al messaggio di Surfandturf del 07/01/2012 - 22:35

Il motivo, dobbiamo prima di tutto trovare il motivo..
e personalmente non lo identifico con la voglia del separatismo, ma con il rifiuto di accettare un sistema id governo che e' diventato alieno a quella parte di popolo che non e' piu contento di vivere con certi sistemi e certe imposizioni.



Come pensavo. Dunque tu pensi che gli unici intelligentoni che abbiano capito l’esistenza del malgoverno siano i leghisti. E noialtri invece ? Cioè tutti gli altri italiani che non sono leghisti? Siamo tutti contenti di vivere sotto certi sistemi o certe imposizioni ? Oppure siamo noi stessi i propugnatori di questi sistemi ?

Immagina un condominio in cui l’amministratore è disonesto. Tutti dovrebbero sforzarsi di sanare la situazione dell’intero condominio.
Invece no, i condomini del secondo piano vogliono farsi una nicchia tutta loro, separata dagli altri, cosa evidentemente assurda.

Ti ricordo che la protesta della lega agli inizi ricevette molti consensi in tutta Italia, sud compreso, perché gli italiani condividevano le critiche.

Ma questa gente ha fatto di più.
E’ andata al governo.
Bene, mi dissi ! Ora finalmente ci faranno vedere come si governa onestamente. Basta con i privilegi, basta con la corruzione, basta con il nepotismo, basta con i parassiti. Finalmente l’Italia si rimbocca le maniche e si mette seriamente al lavoro.

Illusione. Il risultato è oggi sotto gli occhi di tutti.

In quanto all’ideale separatista padano, si tratta di un dramma arcinoto, i cui protagonisti potrei definire (per non usare vocaboli troppo precisi) persone facilmente influenzabili abbreviandoli qui per brevità con la sigla PFI

Il copione di questo pezzo teatrale è sempre lo stesso:

Atto primo: Si lusingano i PFI dicendogli che solo loro sono i più bravi, o una razza superiore, o dei grandi lavoratori.
Atto secondo: Approfittando della precaria situazione economica , gli si dice che le difficoltà ..


--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
09/01/2012 - 12:23 [ Nuovo | Rispondi ]

Forgestein.it
Socio: no

Italians dal:
11/11/2007

253 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 09/01/2012 - 12:23

.. le difficoltà non dipendono da loro (che ovviamente sono bravissimi) ma dagli altri.
Atto terzo: Tra gli altri gli si cerca un capro espiatorio, colpevole esterno dei loro mali (ad es. i comunisti, gli ebrei, i meridionali).
Atto quarto: Si cerca di coagularli in una forza compatta, creandogli un’organizzazione efficiente, completa di riti collettivi e di uniformi. (ad es. camicie nere, camicie brune, camicie verdi).
Atto quinto: li si riunisce tutti sotto un simbolo unico che possa intimorire gli altri (ad es. un fascio, una svastica, un sole delle alpi.

A questo punto il dramma è al suo culmine. La compagine dei PFI è matura per essere usata politicamente , e a seconda del valore dei suoi leaders può rivelarsi molto pericolosa.

Per nostra fortuna gli ultimi leaders non hanno il carisma degli antichi, ma di guai e fastidi ne sono stati capaci anch’essi.
E se invece alla loro guida ci fosse stato un uomo di grande autorità e carattere ? Meditate sul pericolo che si sarebbe potuto abbattere sul nostro paese.

In quanto alla consistenza dei leghisti, sono certo che non sono nel numero che tu dici. Sono stato spesso al nord e so che la maggioranza di essi sono italiani nell’animo. Sono anche convinto che il Nord abbia già al suo interno tutti gli anticorpi sufficienti a contrastare la lega e la secessione. Ma come giustificare il numero dei voti che effettivamente, come tu dici, sono tanti ? Ho cercato di spiegarmelo nel corso della discussione con la protesta (vale anche per i voti del sud), ma anche con l’indole degli italiani, che secondo me, senza dichiararsi apertamente, scorgono forse un qualche vantaggio corporativo in questo voto.

Concludo con una bella citazione (attribuita a Kafka):

"Un cretino è un cretino. Due cretini sono due cretini. Diecimila cretini sono un partito politico"

P.S. Faccio risalire insieme con questa anche l’altra discussione iniziata da RicBrautigan sul federalismo


--
Questo mondo non va mica bene ! ..
...e noi non dovremmo dargli una mano per farlo andare peggio !
La mia mail é forgestein@libero.it
09/01/2012 - 12:25 [ Nuovo | Rispondi ]

Surfandturf.gb
Socio: no

Italians dal:
17/06/2011

2389 messaggi
Risposta al messaggio di tamarro del 09/01/2012 - 08:10

Ma questo non spiega.
Questa e' solo una critica ad un comportamento generalizzato di chi e' al potere e/o in politica e dall' uso del potere da parte di qualsiasi individuo che lo esercita.
Quando parliamo invece del 10%del popolo votante, parliamo di dover accettare un volere popolare espresso con il sistema democratico del voto, a cui tutti ci appelliamo come diritto sacrosanto e sistema infallibile perche vede tutti concordi nella sua eccellenza.
Purtroppo qui o si rispetta il volere del popolo o lo si critica per distruggerlo perche' non si conforma al nostro pensiero.
La terza ipotesi e' che il popolo e' stupido e non capisce, ne deriva quindi che il popolo e' troppo stupido per votare e quindi incapace di espletare tale funzione.
L'idea di roma ladrona non si riferisce a roma in per se, tanto per tranquillizzare il nostro tama' ma all' incapacita gestionale di uno stato burocratico e spendaccione rappresentato dalla capitale, che appartiene ad una cultura considerata aliena a certe zone del paese, dove si pensa che se si deve essere derubati meglio che sia un parente che un estraneo ...!

Questo per rifocalizzare che il problema non e' bossi, ma le ragioni che spingono un popolo a votare le sue idee, e quando si parla di una grossa fetta dell'elettorato il problema deve essere profondo.

--
No trees were killed in the sending of this message but a large number of electrons have been terribly inconvenienced.
09/01/2012 - 12:55 [ Nuovo | Rispondi ]

tamarro.de
Socio: no

Italians dal:
09/02/2006

9285 messaggi
Risposta al messaggio di Surfandturf del 09/01/2012 - 12:55

Caro professò S&t, io personalmente, di fornte al motto dei leghisti, ero tranquillo pure prima, come lo sono adesso!
Anzi, mi ci sono sempre fatto un sacco di risate!
Ma la gente còre de Roma, chiamiamola pure semplice, quella che magari non ha studiato il "latinorum", quando sente che si da' alla propria città questo simpatico epiteto non è che sta molto a sottilizzare... come minimo dice:
Ahò! Ma ladrone a chi?! A brutto fìjo de 'na !!! Ma v o, te e tutti l'amìchi tùa, magnacciòni der Nórde!

Ineffetti, questa esprime al meglio l'opinione verace del romano quadratico medio



--
ನೀವು ಏನು ಪ್ರಬಲಗೊಳಿಸುತ್ತದೆ ಕೊಲ್ಲಲು ಇಲ್ಲ
09/01/2012 - 13:22 [ Nuovo | Rispondi ]

Il Pelide.be
Socio: no

Italians dal:
10/03/2003

29748 messaggi
Vi ricordo che la lingua ufficiale di IOL è l'italiano....




--
"Ogni popolo ha il governo che si merita" (W. Churchill) - E in tutta umiltà io aggiungo: "e l'opposizione che si merita".
09/01/2012 - 14:04 [ Nuovo | Rispondi ]

Surfandturf.gb
Socio: no

Italians dal:
17/06/2011

2389 messaggi
Risposta al messaggio di Forgestein del 09/01/2012 - 12:25

Be vedi che tra le tante cose che hai detto una giusta l'hai azzeccata.
Con la tua analisi dal punto uno al punto quinto ha spiegato che il popolo e troppo stupido per votare e quindi la democrazia non e un sistema di governo accettabile, in quanto si da il potere di decidere a persone deficenti di razionalita' .il governo padano se eletto si comportera' esattamente come il governo romano, la padaneita' come la romanita' non cambierebbero la natura del sistema "governo".......non vorrei dover fare un copia incolla della mia storiella sui polli.


--
No trees were killed in the sending of this message but a large number of electrons have been terribly inconvenienced.
09/01/2012 - 14:32 [ Nuovo | Rispondi ]

1 2